Inaugurato l'Albero della vita, la scultura dedicata ai donatori di sangue

L'opera monumentale progettata dagli architetti Dario Di Luzio e Luana Laerzio è stata posizionata in largo Donatori di sangue, accanto alla sede dell'Avis

Inaugurato questa mattina (sabato 18 giugno), a largo Donatore del Sangue, l’Albero della vita, opera monumentale progettata dagli architetti Dario Di Luzio e Luana Laerzio. La scultura, dedicata ai donatori, è stata collocata proprio nello spazio a loro intitolato, accanto alla locale sede dell’Avis, lungo via Principessa di Piemonte. 

Alla cerimonia hanno partecipato il sindaco Umberto Di Primio, l’arcivescovo Bruno Forte, i rappresentanti dell’Avis comunale e provinciale, il consigliere comunale Maurizio Costa, promotore dell’iniziativa; l’assessore all’Urbanistica, al Traffico e alla Viabilità, Mario Colantonio; l’assessore al Bilancio e alle Finanze, Valentina Luise; la banda del Corpo dei Vigili del Fuoco; la comandante della Polizia Municipale, Donatella Di Giovanni; privati cittadini e il portiere della nazionale italiana di “Calcio a 5” Stefano Mammarella in qualità di testimonial.

Nel ringraziare l’Avis per il monumento donato alla cittadinanza e per le tante attività promosse a Chieti, il sindaco Di Primio ha ricordato l’importante attività portata avanti dall’associazione e l’impegno quotidiano nel sensibilizzare i cittadini alla donazione del sangue: “La sezione Avis di Chieti ha sempre avuto uno straordinario numero di donatori anche grazie all’ingente presenza di militari in città – ha commentato il sindaco - l’obiettivo è quello di coinvolgere sempre più persone in quello che è un atto d’amore verso il prossimo”.  

“L’“Albero della Vita” - ha spiegato l’architetto Di Luzio - è un’opera scultorea che restituisce il senso stesso della vita. I rami dell’albero che fluttuano verso il cielo prendono linfa dalle gocce di sangue collocate al suo interno. È un’opera moderna che ben si confronta con il fabbricato anni Trenta posto di fronte e che si esalta grazie alla bellezza del panorama antistante che rende i materiali adoperati ancor più luminosi”.

L’arcivescovo Bruno Forte, nel benedire il monumento, ha ricordato l’indispensabile servizio offerto dall’Avis a tutela della vita di tutti i cittadini e ha indicato l’atto della donazione del sangue come “esempio di generosità e gesto d’amore offerto dallo stesso Gesù sulla Croce”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimba di dieci mesi rischia di soffocare al centro commerciale: salvata da un infermiere

  • La simpatia di Alessandra da Chieti conquista la puntata di Avanti un altro

  • Sentenza storica per gli ex militari transitati all'impiego civile: accolta la tesi del legale teatino Pierluigi Abrugiati

  • Tragico incidente: auto finisce in un fosso a pochi metri dalla cerimonia per Rigopiano, morta una donna di Chieti

  • Trova i ladri in camera da letto mentre gioca alla Play: paura in casa a Vasto Marina

  • Cane investito e ucciso in pieno centro nell'indifferenza, la rabbia dei padroni: "Il responsabile deve pagare"

Torna su
ChietiToday è in caricamento