rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

Impianto di autodemolizione abusivo con annessa officina meccanica: scatta il sequestro

È accaduto nel Teramano dove i finanzieri hanno individuato e posto sotto sequestro una vasta area privata di 8500 mq, apparentemente adibita a deposito di autoveicoli. Segnalato in procura il presunto responsabile

Un impianto di autodemolizione abusivo con annessa officina meccanica e carrozzeria è stato posto sotto sequestro nel Teramano. I finanzieri della Compagnia di Giulianova, in sinergia con i colleghi del Gruppo di Teramo, hanno individuato e posto sotto sequestro una vasta area privata di 8500 mq, apparentemente adibita a deposito di autoveicoli.

All’interno sarebbero stati trovati più di 100 mezzi presenti assieme a numerose auto in disuso e pezzi di ricambio stoccati in un deposito fatiscente adibito anche ad autofficina, il tutto in assenza delle autorizzazioni necessarie per legge e nella piena violazione delle previste misure a tutela dell’ambiente. Le Fiamme Gialle hanno poi rinvenuto in chiaro stato di abbandono sul terreno anche pneumatici, batterie, olio esausto, vernici per auto nonché rifiuti di diversa natura.

Nell'area è stata rilevata anche la presenza di un container, presumibilmente adibito ad abitazione e/o ricovero temporaneo delle maestranze, tenuto in pessime condizioni igienico-sanitarie.

Oltre al sequestro dell’area il presunto responsabile delle attività abusive è stato segnalato alla procura della Repubblica di Teramo per le violazioni al Testo unico ambientale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto di autodemolizione abusivo con annessa officina meccanica: scatta il sequestro

ChietiToday è in caricamento