rotate-mobile
Cronaca

Il San Valentino degli imbecilli: imbrattata la statua alla villa comunale

Il "messaggio d'amore" con lo spray sul mezzo busto di monsignor Venturi scatena l'ira del sindaco e di tanti cittadini

Voleva giurare il proprio amore alla sua bella e magari farle una sorpresa ma lo ha fatto nel modo più sbagliato, imbrattando con la sua scritta un monumento collocato in uno dei luoghi simbolo di Chieti, la villa comunale, scatenando decine di commenti inferociti anche sui social.

Tra questi quelli del sindaco Umberto Di Primio che ha condannato, con un post su Facebook, il gesto compiuto da qualche ragazzino ignaro di aver deturpato la statua di monsignor Venturi. "Caro Lio ma quanto imbecille sei? - scrive il sindaco - Ma secondo te Elvy dovrebbe strapparsi i capelli da testa per la contentezza perché le hai scritto 'ti amo' con lo spray sul mezzo busto di mons. Venturi alla Villa Comunale? Ma anziché imbrattare il monumento, non potevi farle questo po po di dedica sul frontespizio di un libro di poesie e regalarglielo oggi nella festa di San Valentino? La letteratura mondiale ti sarebbe stata amica, è piena di grandi uomini e donne, ti avrebbe evitato l'appellativo impronunciabile a cui noi tutti pensiamo immaginandoti. Guarda, volendo orientarti verso una scelta più commerciale mi dicono addirittura che una nota marca di cioccolatini abbia chiesto alla Pausini gentili frasi d'amore a corredo di quell'impasto di cioccolato e nocciole. L'amore non si ostenta, non possiede, l'amore basta all'amore!".

E anche San Valentino costerà alle casse del Comune di Chieti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il San Valentino degli imbecilli: imbrattata la statua alla villa comunale

ChietiToday è in caricamento