Cronaca San Giovanni Teatino

Ikea, Di Clemente smentisce falsità sulle assunzioni

Il vicesindaco del Comune di San Giovanni Teatino, Giorgio Di Clemente, smentisce alcune falsità sulle assunzioni Ikea: "Spesso una bugia fa più notizia di una verità"

“Spesso una bugia fa più notizia di una verità!”. A parlare è il vicesindaco del Comune di San Giovanni Teatino, Giorgio Di Clemente, stufo di chiacchiere ed illazioni circolanti da mesi su una presunta assunzione di suoi familiari e parenti all’interno del megastore Ikea.

“Mi si accusa di aver fatto assumere i miei figli all’interno del centro commerciale appena aperto nel nostro territorio. All’inizio non ho dato peso a quella che mi sembrava una semplice chiacchiera di paese, ma adesso la situazione è arrivata ai limiti del paradosso ed è insostenibile, essendo questa voce giunta anche al di fuori del territorio comunale. Ribadisco che tra coloro che lavorano ad Ikea non c’è nessuno dei miei due figli, (dei quali, uno è insegnante in un istituto superiore di Pescara, l’altro è impiegato in un’agenzia di statistica) e tantomeno nessuno dei miei parenti o amici. Certamente, mi dispiace che le persone assunte dall’azienda sono in minima parte del nostro territorio comunale, fatto che ha annullato le speranze di tanti concittadini che si erano illusi nel “miracolo Ikea”. D’altro canto, chi mi conosce sa che mi sono sempre battuto contro i favoritismi e una certa politica clientelare tipica del nostro Paese. E’ evidente che questa voce infondata è stata creata ad hoc per infangare il mio nome e quello della mia famiglia. Pertanto- conclude il vicesindaco - non esiterò a rivolgermi agli organi di competenza contro coloro che continueranno a diffondere queste malelingue”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ikea, Di Clemente smentisce falsità sulle assunzioni

ChietiToday è in caricamento