Cronaca Atessa

La Honeywell rischia di chiudere: inizia lo sciopero a oltranza

I lavoratori, già in regime di contratto di solidarietà, si mobilitano per salvare 420 posti di lavoro in Val di Sangro

Sciopero a tempo indeterminato alla Honeywell di Atessa a partire dal primo turno di oggi, lunedì 18 settembre, su tutti i turni di lavoro. A proclamarlo i sidnacati Fim, Fiom e Uil.

Una vertenza dura, quella che vede da un lato i sindacati e dall'altro la proprietà francese della multinazionale che produce turbocompressori e che, secondo le sigle sindacali, avrebbe già deciso di chiudere lo stabilimento di Atessa per favorire quello in Slovacchia. A rischio ci sono 420 posti in Val di Sangro

"Lo sciopero - spiegano i sindacati - durerà fino al giorno in cui l’Azienda sottoscriverà un accordo che preveda il rilancio vero della nostra fabbrica. In tal senso chiediamo: un piano di investimenti per i prossimi cinque anni; il trasferimento verso Atessa delle linee impiantate in Slovacchia, linee che serviranno per produrre ciò che noi oggi produciamo; un piano di rafforzamento dei livelli occupazionali con l’impegno a non procedere da subito verso nuovi licenziamenti.

Lo stabilimento di Atessa non si tocca - aggiungono - resisteremo giorni, settimane, mesi se sarà necessario, la corporate è avvertita. Sarà avviato un lavoro di solidarietà in tutto il territorio, raccoglieremo fondi per finanziare le nostre lotte, non molleremo, non indietreggeremo un solo millimetro".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Honeywell rischia di chiudere: inizia lo sciopero a oltranza

ChietiToday è in caricamento