Giustizia: a Chieti e Lanciano i tribunali più rapidi

I dati del Ministero della Giustizia, a Chieti record di smaltimento delle vecchie pratiche:+1.025 il saldo tra iscrizioni e sentenze in giudicato nel 2013

Sono a Chieti e Lanciano i tribunali più rapidi d'Abruzzo, dove una sentenza di primo grado viene emessa in 250 e 256 giorni dalla sua iscrizione a ruolo. Lo afferma il quadro statistico del Ministero della Giustizia circa carichi di lavoro e tempi dei tribunali ordinari civili in Abruzzo relativo, dati aggiornati a fine 2013.

I tribunali più lenti sono invece ad Avezzano e Teramo, dove si passa a 420 e 501 giorni per una sentenza di primo grado. Quello con più giudizi pendenti è Teramo (12.039), invece i magistrati togati che hanno prodotto più sentenze procapite sono a Vasto (1.123) seguiti dai colleghi di Sulmona (1.085): al fondo di questa classifica i magistrati dell'Aquila con 668 sentenze pro capite e quelli di Chieti con 889.

I dati mostrano come la macchina giustizia in Abruzzo abbia preso a recuperare i ritardi, specie per ciò che riguarda i processi pluriennali, le vecchie pratiche sono state smaltite soprattutto Chieti: nel capoluogo il +1.025 il saldo tra iscrizioni nel 2013 e sentenze in giudicato nello stesso anno. Le cause di lavoro pesano di più nei procedimenti pendenti nei tribunali di Teramo e Lanciano, invece sul fronte divorzi 'vincono' Sulmona e Lanciano, con oltre il 5%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

  • Tragico incidente nella rimessa di casa: muore schiacciato dall'escavatore

Torna su
ChietiToday è in caricamento