Un mese dopo l'aggressione, sciolta la prognosi per Giuseppe: era finito in coma a 18 anni per un pugno

Il ragazzo ne avrà per altri 90 giorni e questa mattina è stato trasferito in una struttura riabilitativa di Porto Potenza Picena

Esattamente un mese dopo l'aggressione, è stata sciolta la prognosi per GIuseppe, il 18enne picchiato nella notte tra il 17 e il 18 ottobre scorsi nella vecchia stazione di Lanciano. 

Il giovane, da allora ricoverato all'ospedale di Pescara, questa mattina è stato trasferito in una struttura riabilitativa di Porto Potenza Picena (Macerata). L'autorizzazione dei medici della Rianimazione è arrivata dopo che le sue condizioni si sono stabilizzate. I sanitari hanno sciolto la prognosi di 90 giorni. 

Il ragazzo era stato colpito alla testa ed era stato sottoposto a un intervento neurochirurgico. 

Per l'episodio sono indagate cinque persone, tre maggiorenni e due minorenni, accusate di lesioni gravissime. Delle indagini si occupano i carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento