Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Maxi rissa con coltello a Vasto tra 40 giovani, aggrediti anche gli agenti della polizia: due arrestati

Violenza nella zona della vecchia stazione, all'arrivo della polizia i ragazzi si disperdono, ma uno spintona e aggredisce gli agenti

Due giovani di 25 anni di Vasto sono stati tratti in arresto dalla polizia per i reati di resistenza, lesioni, oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto d'indicazioni sulla propria identità personale.
Gli agenti del Commissariato, diretti dal vice questore aggiunto Fabio Capaldo, sono intervenuti nella serata di sabato 29 maggio nella zona della vecchia stazione ferroviaria.

Dove, intorno alle ore 22:30, veniva segnalata al numero di emergenza 113 una rissa in corso tra una quarantina di giovani, uno dei quali armato di coltello.

All'arrivo delle pattuglie i ragazzi si sono dispersi, tentando di far perdere le loro tracce, molti di loro dirigendosi verso il vicino viale Dalmazia. Sul posto gli agenti della squadra volante intervenuti, hanno fermato un giovane particolarmente esagitato, al quale hanno chiesto anche di fornire le generalità. Il ragazzo non solo si è rifiutato, ma ha ingiuriato a più riprese i poliziotti, offendendone l’onore e il prestigio. Quindi si è opposto con violenza anche all’accompagnamento in Commissariato per l’identificazione, ferendo con le unghie uno degli operatori della polizia di Stato, per sottrarsi alla sua presa e spintonando entrambi gli agenti.

Tra i presenti radunati intorno ai poliziotti un altro ragazzo minacciava gli agenti. Il secondo giovane, non ottemperando ai ripetuti inviti a desistere e indietreggiare formulati dagli agenti operanti, ha usato violenza fisica contro uno di loro, portandogli le mani al volto, spintonandolo violentemente a più riprese, anche strappandogli il dispositivo protettivo delle vie aeree. Entrambi i giovani sono stati dichiarati in stato di arresto e accompagnati in Commissariato dove sono stati identificati e successivamente, su disposizione del Pm di turno, trattenuti agli arresti domiciliari. Uno dei giovani aveva indosso sostanza stupefacente per uso personale e dunque è stato sanzionato amministrativamente e segnalato all’ufficio territoriale del Governo. Ieri mattina, lunedi 31 maggio, il giudice ha convalidato gli arresti in flagranza di reato e disposto il rinvio a giudizio degli imputati con rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa con coltello a Vasto tra 40 giovani, aggrediti anche gli agenti della polizia: due arrestati

ChietiToday è in caricamento