menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giorno della Memoria al teatro Marrucino con centinaia di studenti

In scena la piece sulla Shoah del Piccolo Teatro dello Scalo. Il prefetto consegna ai familiari di tre cittadini della provincia di Chieti, deportati durante la II Guerra Mondiale, le medaglie d’onore

Trecentocinquanta studenti affollano il teatro Marrucino alla cerimonia istituzionale coordinata dalla Prefettura di Chieti per il “Giorno della Memoria”, in commemorazione delle vittime dell’Olocausto. Quasi due ore di letture, immagini e la pièce teatrale sulla Shoa interpretata dai giovani allievi dei laboratori teatrali del Piccolo Teatro dello Scalo diretti da Giancamillo Marrone.

Nel corso della cerimonia il prefetto Antonio Corona  ha  consegnato ai familiari di tre cittadini della provincia di Chieti, deportati durante la II Guerra Mondiale, le medaglie d’onore, riconoscimento istituito con Legge 296/2006 e conferito con decreto del Capo dello Stato ai cittadini italiani, militari e civili, deportati e internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l’economia di guerra e ai familiari dei deceduti.
A ritirare le medaglie Luigi Angiolillo, Marina Catena ed Adriana Ranieri in ricordo dei familiari: Armando Angiolillo, nato il 1/2/1922 a Castelguidone, internato fino al 26 gennaio 1944; Giuseppe Clari, nato il 24/1/1915 a Torino, internato dall' 8/9/1943 al 18/4/1945 presso lo Stalag 327 Przenysl; Vincenzo Ranieri, nato il 1/3/1908 a Paglieta, internato dall'1/9/1943 all’1/5/1945 a Krieg. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento