menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gara di appalto mensa Asl, Pettinari chiede chiarezza

Il consigliere regionale del M5S chiede in una interpellanza di conoscere i criteri in base ai quali è stato predisposto il capitolato d'appalto per l'affidamento del servizio di ristorazione ospedaliera e del servizio di lavaggio vettovaglie negli ospedali della Asl Vasto-Lanciano-Chieti

In base a quali criteri è stato predisposto il capitolato d'appalto per l'affidamento del servizio di ristorazione ospedaliera e del servizio di lavaggio vettovaglie negli ospedali della Asl Vasto-Lanciano-Chieti? A chiederlo è il consigliere regionale del M5S, Domenico Pettinari, in una interpellanza.  La gara è stata effettuata e aggiudicata nelle settimane scorse per una durata di 12 mesi, con un ribasso del prezzo posto a base d'asta del 27%.

In particolare, il consigliere del M5S intende conoscere se nel criterio di aggiudicazione del prezzo più basso sia stato scorporato o meno il costo del personale e della sicurezza dall'importo complessivo posto a base d'asta e soggetto a ribasso.

"Voglio conoscere con precisione se la Asl abbia provveduto ex ante a quantificare il costo del personale e della sicurezza nel capitolato d'appalto - dice Pettinari - anche in considerazione dei costi standardizzati predisposti dall'Osservatorio dell'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture (AVCP) e sulla base dei valori economici previsti dalla contrattazione collettiva stipulata dai sindacati comparativamente più rappresentativi, così come previsto dalla normativa del settore sopra richiamata".

Pettinari chiede inoltre di conoscere se è vero che "la Cooperativa aggiudicataria dell'appalto abbia quasi totalmente scaricato il ribasso offerto sull'importo complessivo posto a base d'asta, pari al 27%, sul costo del personale, offrendo al personale assunto a tempo indeterminato, già impiegato in tali mansioni e riassorbito dalla stessa Cooperativa, un contratto di lavoro con una retribuzione ridotta di circa il 35% rispetto al compenso percepito dai lavoratori con il precedente contratto lavorativo, che contrasterebbe con le disposizioni legislative del settore".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento