menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano rame in un'azienda dello Scalo, tre arrestati

I carabinieri di Pescara erano nella zona industriale per un controllo finalizzato alla prevenzione di furti, quando hanno notato una macchina parcheggiata in maniera poco visibile. Le manette sono scattate quando i tre sono tornati per portare via 750 kg di oro rosso

Hanno rubato 45 matasse di rame puro del peso di circa 750 chilogrammi, per un valore commerciale di 5.500 euro, nella zona industriale dello Scalo. per questo tre uomini sono stati arrestati la scorsa notte (domenica 26 aprile) dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Pescara, con l’accusa di furto aggravato in concorso. Si tratta di F.P., 31 anni, C.G., 25 e M.H., 33, tutti di nazionalità romena.

Durante un servizio finalizzato alla prevenzione dei furti ai danni di aziende i militari, passando nella zona industriale di Chieti Scalo, hanno notato un’Alfa con una persona a bordo parcheggiata in modo da risultare poco visibile. I carabinieri non hanno subito controllato l’auto, ma si sono appostati per vedere cosa stesse facendo l’uomo.

E i loro sospetti hanno trovato conferma quando, dopo circa un’ora, hanno visto uscire, da un buco fatto nella recinzione di una ditta, altri due uomini che sono saliti in auto, per poi partire rapidamente in direzione di Pescara.

L’intuizione ha trovato ulteriore conferma quando, ispezionati i luoghi, la pattuglia ha trovato preparate nel piazzale matasse di rame pronte per essere caricate. Chiamati i rinforzi, è scattata la trappola: dopo circa un’ora i ladri sono tornati attrezzati con una vecchia station wagon per portare via quanto precedentemente preparato.

Piazzata la macchina, il trio si è messo al lavoro, ma a questo punto sono scattate le manette. Il “bottino” è stato sequestrato e restituito al proprietario. I tre arrestati hanno trascorso la notte in camera di sicurezza in attesa della direttissima al termine della quale sono stati disposti i domiciliari per i tre pluripregiudicati. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento