Cronaca

Outlet finto con i capi rubati alla Iac Rodrigo: denunciati dipendente e amico

In tre anni rubati capi di abbigliamento per circa 100mila euro dal magazzino a Chieti Scalo. La falsa rivendita nel garage di un dipendente di Catignano con la complicità di un sessantenne. Ignari gli acquirenti, una cinquantina dei quali identificati

Rubava continuamente capi nell’azienda nella quale lavorava, la Iac Rodrigo di Chieti Scalo, poi assieme a un complice rivendeva i capi di abbigliamento in un outlet improvvisato a Catignano.

I carabinieri della locale stazione, diretti dal capitano Domenico Dolente, dopo una lunga attività investigativa iniziata la scorsa estate, sono riusciti a scovare l’attività illecita e a individuare i soggetti.

Una denuncia per furto aggravato in concorso e ricettazione è partita quindi nei confronti di A.M., 50enne, operaio della “Iac Rodrigo” e A.D.B., 60 anni, operatore sanitario presso l’ospedale di Penne.

Il danno stimato è di circa 100mila euro nei confronti dell'azienda di moda.

LA RIVENDITA A CATIGNANO A.M., sfruttando la propria mansione ed eludendo abilmente la video-sorveglianza interna alla ditta di Chieti Scalo nella quale lavorava, trasferiva da circa tre anni, ingenti quantitativi di merce ancora imballata all’esterno dello stabilimento. 

Merce che poi veniva trasportata nei locali al piano terra della propria abitazione a Catignano, dove l’uomo aveva aperto un vero e proprio negozio abusivo, completo di camerini prova e listino prezzi, certamente vantaggiosi per la numerosissima clientela che nel corso degli ultimi anni ha usufruito dell’acquisto di merce a prezzi “outlet”.

A fare pubblicità allo ‘spaccio aziendale’ l’amico sessantenne A.D.B., divenuto nel tempo gestore delle aperture del finto outlet e delle somme incassate.

I carabinieri hanno individuato tra Catignano e Penne una cinquantina di acquirenti, tutti tratti in inganno e recuperato 50 mila euro di merce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Outlet finto con i capi rubati alla Iac Rodrigo: denunciati dipendente e amico

ChietiToday è in caricamento