rotate-mobile
Cronaca

Corsa all'"oro rosso": quattro arresti nel wekend e un furto di rame sventato

Diversi comuni della provincia interessati dalle attività dei carabinieri che questa mattina all'alba hanno concluso con un rocambolesco inseguimento in centro abitato a Crecchio. Recuperati 700 chili di cavi di rame

Quattro persone arrestate dopo aver rubato cavi e canaline di rame e un furto sventato. Questo il bilancio dell’intenso weekend dei carabinieri del Comando Provinciale di Chieti, impegnati contro il dilagante fenomeno dei furti del cosiddetto “oro rosso”.

I militari hanno recuperato complessivamente 700 chili di cavi di rame e 23 canaline, i primi erano stati trafugati da un impianto fotovoltaico e gli altri asportati da abitazioni ed esercizi commerciali.

L’attività è partita sabato notte quando, grazie alla segnalazione del sistema antintrusione di un impianto fotovoltaico a Monteodorisio, i carabinieri hanno impedito a un gruppo di ladri di portare a termine il furto di 700 chili cavi che i malviventi avendo lasciato sul ciglio della strada prima di scappare.

Invece a Francavilla al Mare questa notte due giovani di 21 e 23 anni sono stati arrestati dopo che avevano asportato sei canaline di rame da un’abitazione in costruzione a Tollo. Il valore della refurtiva, che i due avevano nascosto nel bagagliaio, era pari a 3000 euro.

Ancora, a Poggiofiorito, alle prime luci dell’alba in manette sono finiti due ventenni di Orsogna per aver rubato due canaline di rame da un supermercato e da un frantoio: i carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Ortona li hanno bloccati al termine di un movimentato inseguimento in auto che si è protratto fino al centro abitato di Crecchio. Per i due l’accusa è di furto aggravato e possesso ingiustificato di arnesi da scasso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsa all'"oro rosso": quattro arresti nel wekend e un furto di rame sventato

ChietiToday è in caricamento