menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è spento Franco Aimola, socio fondatore dell'Aism Chieti: il ricordo commosso dei colleghi

Trent'anni fa diede vita alla sezione provinciale dell'associazione italiana sclerosi multipla in viale Abruzzo

L’Aism piange la scomparsa di Franco Aimola, socio fondatore nonché ex presidente dell'associazione italiana sclerosi multipla sezione provinciale di Chieti. Si è spento nella mattinata di ieri, lunedì 2 marzo.

Grazie a lui, nel 1990, a Chieti nacque la sezione provinciale dell’Associazione italiana sclerosi multipla.

Attualmente consigliere provinciale Aism sezione di Chieti, trent’anni fa assieme ad altri volontari inaugurò la sede provinciale sita ancora oggi in viale Abruzzo 322 a Chieti Scalo. Negli anni costituì i gruppi operativi di Lanciano e di Vasto.

Socio fondatore, presidente per diversi anni, membro del coordinamento regionale Aism Abruzzo, formatore accreditato al Ministero per la formazione dei ragazzi in servizio civile: tanti incarichi di rilievo, ma Aimola era sempre il primo volontario a scendere in campo quando c’era bisogno di  supportare la mobilità e l’autonomia di chi viveva la sclerosi multipla ed era solo. 

“Sempre in prima linea per gli altri – così lo ricordano oggi i soci dell’Aism -  senza mai perdere d’occhio la sua amata Rosaria che la sm la vive sulla sua pelle. Insieme erano l’esempio di come si vive oltre la Sclerosi Multipla, di come insieme si è più liberi. Quanto amore e quanta dedizione Franco dedicava alla sua Maria Rosaria e al suo caro figlio Giuseppe”. 

Franco ha dedicato la sua vita alla formazione, anche come istruttore di mini basket nel Frentano. “Questo suo credo – si legge ancora -  lo aveva portato nell’associazione ma anche nella vita lavorativa. Professore prima e preside dopo, è stato il formatore di molti giovani di Rocca San Giovanni e di Lanciano. Negli anni aveva rivestito anche dei ruoli politici, i cittadini di Rocca San Giovanni lo ricordano con affetto nel suo mandato da primo cittadino.

Qualcuno lo annoverava tra le “vecchie glorie di Aism”; vecchio lo si riferiva al suo essere uno dei primi a fondare Aism, gloria perché i tempi stavano cambiando e con essi anche il modo e il tempo di far le cose. Lui sorrideva a questo appellativo facendo crescere pian piano dei giovani che avrebbero un giorno preso il suo posto continuando a portare avanti la missione per avere un mondo libero dalla sm. Credeva nella forza dei giovani, credeva nelle loro capacità, credeva nel loro modo di lavorare”. 

Lo sanno bene soprattutto due delle giovani volontarie che oggi militano in Aism e ricoprono ruoli importanti che in passato erano stati ricoperti dallo stesso Franco (Giulia Di Biase, presidente provinciale Aism Chieti e Marianna Cianciarulo, membro del coordinamento Regionale Aism Abruzzo). 

I volontari, i dirigenti e tutti i soci dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla Sezione Provinciale di Chieti si uniscono al dolore dei familiari e stringono in un forte abbraccio l’amata moglie Maria Rosaria e il caro figlio Giuseppe.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento