Frana di Santa Maria Calvona, Di Primio sollecita tavolo tecnico urgente

Il sindaco scrive a prefetto, governatore e capo della Protezione civile ricordando le promesse di fondi stanziati e invocando un intervento celere dopo i vari sopralluoghi che hanno fatto classificare la frana con "priorità livello 1"

Il sindaco Di Primio scrive al prefetto, al governatore D’Alfonso e al capo della Protezione Civile Gabrielli per chiedere la convocazione urgente di un tavolo tecnico sulla frana di Santa Maria Calvona. A quel tavolo, secondo le richieste del primo cittadino, dovranno sedere il corpo forestale, il presidente della Regione, con i servizi dell’ente Lavori pubblici, Genio Civile, Protezione Civile e Autorità dei bacini. L’obiettivo è “avere certezze circa l’inizio dei lavori di somma urgenza”, oltre ad avere contezza “dell’esistenza, nonché consistenza dei fondi necessari per gli interventi di consolidamento strutturali dell’area interessata dalla frana”.

Nel documento, il sindaco ripercorre le iniziative messe in atto per sistemare la zona di Fosso Canino. Il 1° dicembre scorso fece un sopralluogo proprio con Gabrielli. La frana, aggravata dalle condizioni metereologi che pessime, insidia “elementi strutturali, costituiti da palazzine immediatamente a monte della frana e da abitazioni a valle; elementi infrastrutturali quale la via Santa Maria Calvona e via Maiella”.

Il 21 agosto scorso l’amministrazione fornì al Commissario straordinario per la mitigazione del dissesto idrogeologico, su richiesta della prefettura, le informazioni sulla situazione di Chieti, che comprendevano anche quella sulla frana di Fosso Canino.

Il 26 settembre, la direzione Lavori pubblici della Regione stanziò 100mila euro per interventi urgenti e un mese dopo, il 24 ottobre, il Comune trasmise agli uffici regionali competenti gli esiti dei dettagliati sondaggi e studi geologici effettuati dal 2 settembre.

Un mese fa, il 5 gennaio, la segreteria del presidente D’Alfonso comunicò al Comune che la frana di Santa Maria Calvona era stata valutata e inserita al primo posto con “priorità livello 1”, a causa di un attività franosa in atto, che mette in pericolo i residenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore investita dall'auto con la figlia minorenne a bordo: la vittima era di Chieti

  • C'è crisi ma non si trovano i lavoratori da assumere: a Chieti e provincia mancano venditori, camerieri e camionisti

  • Morto l'uomo caduto all’interno della scala mobile di Chieti

  • In auto con due chili di cocaina pura: arrestato dopo inseguimento da Chieti Scalo a Vasto

  • Coronavirus, quattro studenti sotto osservazione in Abruzzo

  • Scooter travolge madre e figlioletto: coinvolto un giovane di Francavilla

Torna su
ChietiToday è in caricamento