menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La situazione in via Bonavia a Fossacesia

La situazione in via Bonavia a Fossacesia

Dissesto idrogeologico a Fossacesia: la Regione promette fondi

Presto potrebbe essere sanata la situazione in via Bonavia a Fossacesia. L'amministrazione comunale ha già avviato le procedure per eseguire la progettazione esecutiva

Presto potrebbe essere sanata la situazione relativa al dissesto idrogeologico in via Bonavia a Fossacesia. 
Dopo varie sollecitazioni da parte dell’amministrazione comunale, infatti, nelle ultime ore la Regione ha informato che l’agenzia per la coesione, sottoscriverà l’accordo per sbloccare i fondi da tempo promessi per il finanziamento.
 
“Il finanziamento è per un milione di euro – dice il sindaco Enrico Di Giuseppantonio - nel frattempo la nostra amministrazione ha già avviato le procedure per eseguire la progettazione esecutiva. Ovviamente occorreranno altri fondi per mettere in sicurezza l’intera zona. Mi auguro che la Regione Abruzzo, come più volte promessoci, eroghi i finanziamenti richiesti”.  

Il movimento franoso che ha interessato il costone ovest di via Bonavia, negli anni scorsi ha portato più volte il sindaco Di Giuseppantonio a chiedere l’intervento della Regione per la messa in sicurezza dell’area. Nel marzo 2015, a causa delle maltempo che provocò nuovi smottamenti, Di Giuseppantonio fu costretto a emettere un’ordinanza per lo sgombero e il divieto di utilizzo delle aree e dei manufatti presenti lungo la via. Lo scorso anno, via Bonavia ha subito ulteriori, significative e preoccupanti erosioni dovute alle importanti nevicate di metà gennaio e alle successive piogge. Il sindaco dovette prendere una nuova decisione per lo sgombero delle abitazioni. La frana, inoltre, causò il distacco di grossi massi, che finirono di cadere sulla strada provinciale Sp 81 Fossacesia – Rocca San Giovanni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento