menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Forum H20 prepara gli esposti contro la Regione, Enel e Terna per il black out dei giorni scorsi

La politica delle grandi opere propagandata con il Masterplan è fallita - dice De Sanctis -. Non si possono spendere un milione di euro per far arrivare il cavo di Terna dal Montenegro quando non stanno in piedi i pali della luce"

Il Forum H2O Abruzzo annuncia esposti contro quanto accaduto nelle ultime settimane in Abruzzo. Prima ne ha presentato uno per chiedere chiarezza sulla tragedia di Rigopiano, su cui aveva già preparato un dossier a dimostrazione del fatto che l'hotel sarebbe stato costruito sui resti di valanghe passate

Ora, l'associazione si prepara ad affrontare le questioni dell'emergenza maltempo e del blackout, "che hanno lasciato l'Abruzzo nel Medioevo per una settimana", e il caos politico-istituzionale, "che ha certificato il totale fallimento della macchina organizzativa, sia sul piano della prevenzione che su quello della gestione dell'emergenza".

Secondo Renato Di Nicola e Augusto De Sanctis, gli esponenti del Forum H2o intervenuti questa mattina (lunedì 30 gennaio) in conferenza stampa, "non è possibile accettare che più di 400 mila persone siano lasciate al buio e senza riscaldamento per giorni". Nel mirino dell'associazione i vertici istituzionali, a partire dalla Regione e le aziende Enel e Terna. "La politica delle grandi opere propagandata con il Masterplan è fallita - dice De Sanctis -. Non si possono spendere un milione di euro per far arrivare il cavo di Terna dal Montenegro quando non stanno in piedi i pali della luce".
   

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento