menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paolucci: "Sì a fondi per l'assistenza sanitaria alla piccola Noemi"

La Asl di Pescara ha assunto l'impegno a trovare risorse finanziarie per l'assunzione di personale medico necessario a garantire l'assistenza sanitaria alla bimba di Guardiagrele da Sma1. Verranno realizzati due posti letto nel reparto di Pediatria di Pescara, destinati al servizio di assistenza e terapia sub intensiva

L'assessore regionale alla Programmazione sanitaria, Silvio Paolucci, annuncia che la Asl di Pescara ha assunto l'impegno a trovare risorse finanziarie per l'assunzione di personale medico necessario a garantire l'assistenza sanitaria alla piccola Noemi, la bimba di Guardiagrele affetta da una grave malattia muscolare neurodegenerativa. Lo ha detto al termine della riunione tenuta stamane presso la sede dell'assessorato con tutte le parti interessate, per dare seguito al decreto Commissariale dell'agosto scorso che ha previsto l'istituzione di due posti letto nel reparto di Pediatria dell'ospedale di Pescara, destinati proprio al servizio di assistenza e terapia sub intensiva per i pazienti in età pediatrica.

"Il difficile percorso umano di Andrea Sciarretta, padre delle piccola Noemi, - ha detto Paolucci - ha segnato un nuovo importante passo in avanti dopo la firma del decreto Commissariale. Mi sembra che sulla vicenda la Giunta D'Alfonso abbia dato segnali chiari e concreti, confermando che questo intervento rientra nel più ampio impegno a favorire lo sviluppo di una sanità di qualità. L'obiettivo - ha concluso - è di esaltare le eccellenze già esistenti sul territorio in modo da innalzare i livelli di assistenza a favore dei cittadini abruzzesi e delle regioni limitrofe". 

Andrea Sciarretta, papà di Noemi e presidente dell'associazione Progetto Noemi Onlus: "E' un progetto ambizioso che sta prendendo i primi passi. Un ringraziamento particolare a Noemi che è portavoce di tanti bambini che chiedono interventi concreti per la grave disabilità. Presto, grazie al lavoro costante e concreto dell'Aassociazione e alla volontà della Regione, l'Abruzzo sarà dotato di un'unità di terapia sub intensiva per tutti i pazienti pediatrici".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento