rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca Casoli

Fiumi Aventino e Verde, arrivano due nuove captazioni

Sul sito della Regione Abruzzo sono stati pubblicati due avvisi relativi alle proposte di captazione per importanti quantità di acqua a Lettopalena e Casoli. Il Wwf: fiumi allo stremo, indispensabile lasciare acqua negli alvei.

 I fiumi Aventino e Verde in provincia di Chieti sono nuovamente al centro delle mire di chi vuole captarne le acque a fini idroelettrici. E' quanto conferma il Wwf spiegando che sul sito della Regione Abruzzo sono stati pubblicati due avvisi relativi alle proposte di captazione per importanti quantità di acqua, fino a 2.550 litri/secondo per l'Aventino a Lettopalena (con media di 1.016 litri/secondo) e fino a 3.000 litri/secondo (e media di 1.500 litri/secondo) sul Verde a Casoli.

Il Fiume Verde però, a causa della pressione antropica che ne ha già sconvolto portata e qualità delle acque, non rispetta gli obiettivi di qualità fissati dalla Direttiva 60/2000 “Acque” dell'Unione Europea, in quanto il tratto di fiume coinvolto è classificato dall'Arta nella categoria Sufficiente.

L'Aventino invece è uno dei pochissimi corsi d'acqua dell'intera regione ad essere nello stato di qualità “buono” e dovrebbe essere oggetto di una scrupolosa azione di conservazione, ma anche qui  insistono numerose altre richieste di captazione. I due interventi hanno già ricevuto inopinatamente il parere positivo dell'Autorità di Bacino.

“Iniziamo a pensare che per la Regione i fiumi sono elementi ambientali fastidiosi - dichiara Luciano Di Tizio, presidente del Wwf Abruzzo -  da eliminare, lasciando quasi deserti gli alvei, visto che sull'Aventino con questo prelievo rimarrebbe circa 1/5 dell'acqua. L'Arta, già nel 2010, individuava ufficialmente nelle captazioni una delle cause principali dello stato disastroso dei nostri fiumi. È di questi giorni la notizia che il Consiglio regionale ha istituito una commissione d'inchiesta sullo stato della gestione dell'acqua in Abruzzo: il lavoro di controllo potrebbe cominciare proprio all’interno degli uffici della Regione! Considerato il modo di procedere delle strutture regionali è infatti indifferibile un profondo cambiamento nelle modalità di esame dei progetti, anche perché si rischia l'apertura della procedura d'infrazione comunitaria per l'evidente incongruenza con le politiche europee in materia di acque. L'Abruzzo produce quasi il 50% dell'energia elettrica da fonti rinnovabili e ha già una quantità di impianti per la produzione energetica enormemente maggiore rispetto alle sue esigenze. Bisogna puntare sul risparmio energetico e sull'efficienza e non su nuove produzioni, almeno sui fiumi, sfruttando invece l'enorme distesa di capannoni industriali, abbandonati e non, per installare pannelli fotovoltaici per coprire il resto del fabbisogno”.Invitiamo tutti i soggetti interessati a presentare osservazioni e partecipare al procedimento amministrativo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi Aventino e Verde, arrivano due nuove captazioni

ChietiToday è in caricamento