Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Lentella

Il Wwf: le acque del Fiume Trigno come quelle di una fogna

I valori trovati dall’Arta e riferiti dal Wwf sono tipici di scarichi non trattati, come le acque di fogna. Tra il 2011 e il 2012 la salmonella è stata trovata tre volte.

“Le acque del fiume Trigno sono simili a quelle di una fogna, addirittura con presenza di salmonella”. E’ quanto riferisce il Wwf con in mano i referti dei monitoraggi avvenuti tra il 2011 e il 2012. I dati si riferiscono al punto di captazione di Lentella.

La classificazione è partita nel 2011 con prelievi a periodicità mensile o bimestrale e in diversi periodi dell’anno ha presentato parametri di tipo microbiologico degni di una fogna, con punte di coliformi di 100.000. Anche a luglio 2012 i valori erano estremamente alti a testimonianza del permanere di condizioni ambientali critiche.

I valori quali quelli trovati dall’Arta sono tipici di scarichi non trattati, come le acque di fogna. La salmonella è stata trovata ad agosto 2011, ottobre 2011 e gennaio 2012.

Augusto De Sanctis, referente acque del Wwf, si chiede se e quali provvedimenti siano stati presi in tali occasioni per il Trigno dalle varie autorità competenti.  “La situazione è, purtroppo, simile a quella di tanti altri fiumi abruzzesi – dice - Continuiamo a pensare di poter trattare i corsi d’acqua esclusivamente come ricettacolo dei nostri reflui e come fonte di acqua per le attività produttive, come se la risorsa fosse inesauribile. Il Trigno, oltre a ricevere scarichi spesso non trattati o trattati in maniera inefficiente, è sottoposto a numerose captazioni che ne riducono la portata abbattendo la sua capacità di auto-depurazione”.

De Sanctis ricorda che la classificazione dell’ottobre 2012 ha sancito l’impossibilità di potabilizzare le acque del Trigno dalla captazione di Lentella. “La classificazione – conclude - dovrebbe, a nostro avviso, precedere qualsiasi utilizzo, soprattutto in presenza di una situazione ambientale compromessa. Inoltre ricordo che il comma 11 dell’Art.23 della Legge regionale 31/2010 prescriveva un’attività di comunicazione al pubblico della procedura di classificazione che non ci risulta essere mai avvenuta. Anche solo questo aspetto della vicenda è per noi molto grave poiché colpisce il diritto dei cittadini ad essere costantemente informati su questioni fondamentali per l’esistenza come l’approvvigionamento idrico”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Wwf: le acque del Fiume Trigno come quelle di una fogna

ChietiToday è in caricamento