Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fiume Pescara, il video shock che sta indignando la rete

Un attivista del M5S pone l’obiettivo su tutti gli angoli nascosti del fiume Pescara

 

Un video shock che racconta una situazione drammatica per il fiume Pescara. A diffonderlo un attivista del Movimento 5 Stelle che ha documentato una serie lunghissima di scarichi abusivi, di degrado nella manutenzione della vegetazione e un gran numero di rifiuti, anche pericolosi, abbandonati sugli argini e nell’acqua stessa.

“Il fiume è molto lontano dalla promessa del presidente D’Alfonso che annunciava corsi d’acqua belli e godibili. Il recentissimo video girato da un nostro attivista Lorenzo Bosi” commenta Domenico Pettinari, consigliere regionale M5S “dimostra come gli organi preposti, appena abbassato l’interesse mediatico, hanno abbandonato al suo triste destino il corso d’acqua più importante della Regione. Abbiamo presentato una serie di interpellanze per costringere la Regione Abruzzo a dare risposte ai cittadini sulla condizione dell’acqua. Abbiamo già proposto" ricorda Pettinari "di eseguire un monitoraggio costante del corso d’acqua attraverso il pattugliamento della Guardia Forestale nelle zone più a rischio; una serie di controlli di video sorveglianza costantemente monitorati e ben visibili per scoraggiare qualunque azione illecita. La pulizia dei parchi fluviali e delle sterpaglie che inibiscono una piena visibilità in modo da rendere più visibili gli accessi; l’aumento delle sanzioni per le aziende ed i privati colti a sversare nel fiume destinando l’introito di tali sanzioni al risanamento del corso e alla chiusura degli scarichi abusivi. Chiediamo al Presidente e all’assessore competente che alle nostre proposte sia data attuazione attraverso un tavolo di lavoro a cui siamo disposti a partecipare”.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ChietiToday è in caricamento