menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La firma di Rotondo e Mazzarulli

La firma di Rotondo e Mazzarulli

Lotta agli affitti in nero, a Chieti convenzione fra Adsu e Agenzia delle entrate

Il primo protocollo in Italia che mette a disposizione del diritto allo studio l'archivio dei contribuenti: le domande di rimborso per gli affetti degli studenti saranno controllate per premiare realmente i meritevoli. Presto l'accordo si amplierà a tutti i contributi

L’immenso archivio dell’Agenzia delle entrate sarà a disposizione dell’Adsu (Azienda per il diritto agli studi universitari) per controllare che le documentazioni presentate dagli studenti per ottenere borse di studio siano veritiere.

È l’effetto più importante della convenzione siglata questa mattina (martedì 17 settembre) nella sede teatina dell’Adsu, a Madonna delle Piane, dalla direttrice regionale dell’Agenzia Rossella Rotondo e da quella dell’azienda per il diritto agli studi, Teresa Mazzarulli.

Il protocollo, il primo del genere in Italia, è la diretta conseguenza di quello firmato pochi mesi con la guardia di finanza, che prevede controlli a campione fra i beneficiari delle agevolazioni per combattere i furbetti che dichiarano il falso.

In un periodo storico in cui le domande per le borse di studio aumentano, ma i contributi pubblici scarseggiano (nell’anno accademico 2012/2013 sono stati liquidati 1.700 studenti sui circa 3mila aventi diritto) e si registra un vertiginoso aumento dei frequentatori della mensa universitaria (+25%) per consumare un pasto complete ad un massimo di 3 euro e 30 centesimi, c’è più bisogno che mai di controllare che i pochi fondi a disposizione vadano a chi ne ha realmente bisogno.

Grazie alla collaborazione fra i due enti non soltanto si potranno ridurre i tempi di attesa per ricevere i contributi della borsa di studio, visto che domande e relativi controlli sono telematici, ma ci sarà un incentivo a combattere gli affitti in nero, senza regolari contratti di registrazione, e l’evasione fiscale. Un meccanismo che presto si amplierà a qualunque tipo di contributo erogato dall’Adsu, per fare in modo che siano realmente i meritevoli a ricevere i fondi messi a disposizione dalla Regione.

Secondo l’accordo Adsu e Agenzia delle entrate promuoveranno la legalità fiscale anche tramite campagne informative. In più negli uffici per il diritto agli studi di Chieti e Pescara ci sarà uno sportello per informazioni o assistenza su servizi erogati dall’agenzia, dalla registrazione dei contratti, al rilascio dei codici fiscali. Il protocollo ha validità di un anno, ma si rinnova automaticamente a meno di una disdetta esplicita di una delle due parti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento