menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, la Fiom Cgil chiede di verificare il rispetto delle regole sul trasporto urbano

Il sindacato vuole tutelare la sicurezza dei lavoratori che ogni giorno si muovono verso la zona industriale del chietino, anche dalle regioni limitrofe

Qualche giorno fa, era stato il sindaco di Atessa, Giulio Borrelli, a sollevare l'attenzione sulla sicurezza dei lavoratori che, nel tragitto casa-lavoro, viaggano sui mezzi senza alcun presidio di protezione e senza alcun rispetto della distanza di sicurezza. Il primo cittadino aveva scritto al premier Giuseppe Conte per chiedere una presa di posizione sul problema

Ora, è la Fiom Cgil Chieti a invocare un intervento sui mezzi di trasporto pubblici regionali. Il segretario generale Alfredo Fegatelli, infatti, ha scritto alla Asl, all'Asrem (Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro), ai comandi provinciali dei carabinieri di Chieti e Campobasso, ai presidenti delle Regioni Abruzzo e Molise, Marco Marsilio e Donato Toma, e ai prefetti di Chieti e Campobasso. 

Nel documento, chiede un "intervento per verificare il rispetto delle norme in oggetto volte a prevenire il contagio da Covid 19 sugli autobus del servizio pubblico in partenza da e verso le zone industriali della provincia di Chieti, utilizzati dai lavoratori per il raggiungimento dei rispettivi luoghi di lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento