Cronaca

Festino a base di sesso e droga: la trans accoltellata chiede 100mila euro di risarcimento

Silvana Valencia Villanueva si è costituita parte civile. Per tentato omicidio è indagato il dentista Ottavio Esposito

Si è costituita parte civile nel corso dell'udienza preliminare e ha chiesto un risarcimento danni di 100mila euro Silvana Valencia Villanueva, la transessuale colombiana che lo scorso 4 febbraio fu accoltellata al termine di un festino a base di sesso e droga in un appartamento di Chieti Scalo. Per quella notte brava è imputato per tentato omicidio il dentista 30enne di Casalincontrada Ottavio Esposito, che ha chiesto il ricorso al rito abbreviato tramite i suoi legali, Antonello D'Aloisio e Cristiano Sicari.  

La transessuale, assistita dall'avvocato Pasquale D'Incecco, riuscì a fuggire lasciando alle sue spalle una scia di sangue che, secondo l'accusa, l'altro imputato, Danilo Di Giulio, 31enne di Chieti, aiutò a ripulire: ora è accusato di favoreggiamento. La sua posizione è stata stralciata per un difetto di notifica: l'avviso di conclusione delle indagini dovrà essergli notificato di nuovo. 

I due uomini sono accusati anche di aver acquistato e detenuto illecitamente cocaina in quantità non inferiore a 1,67 grammi e di averla poi ceduta alla Villanueva e a a Roberta Carnassale, 38 anni, teatina, imputata a sua volta. Quest'ultima, secondo l'accusa, l'avrebbe anche ceduta a terzi. 

Il gup del tribunale di Chieti Isabella Maria Allieri deciderà il 23 gennaio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festino a base di sesso e droga: la trans accoltellata chiede 100mila euro di risarcimento

ChietiToday è in caricamento