Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Feste universitarie in casa, ma i vicini chiamano la polizia per gli schiamazzi: 15 giovani multati

È accaduto sabato notte allo Scalo, dove gli agenti della volante sono intervenuti in un appartamento e in un garage dopo le segnalazioni. Un altro ragazzo è stato denunciato per guida in stato di ebbrezza

Immagine di archivio

Insofferenti alle restrizioni anti Covid, hanno deciso di organizzare una festa in casa, ma la situazione è diventata così rumorosa da richiedere l'intervento della polizia. E, alla fine, la serata di festa è finita con 15 persone sanzionate per il mancato rispetto della normativa per il contenimento dei contagi. 

È accaduto a Chieti Scalo nel fine settimana, dove gli agenti della polizia di Stato impegnati nei controlli del questore Annino Gargano hanno interrotto due feste in appartamenti dello Scalo. 

È accaduto nella notte fra sabato e domenica, quando gli agenti della volante sono intervenuti in due abitazioni, dopo che i vicini avevano chiamato il 113 raccontando di schiamazzi. 

La prima segnalazione, verso mezzanotte, indicava la presenza di diversi giovani in un garage. Qui, gli agenti hanno accertato la presenza di 9 persone fra i 20 e i 34 anni, gran parte studenti universitari, di cui quattro fuori sede.

Poco più tardi, intorno alle due, è arrivata un’analoga segnalazione, riguardante un altro appartamento della zona, dove gli agenti hanno trovato sei ragazzi, di età compresa tra i 21 e 24 anni, tutti studenti fuori sede, che festeggiavano, con urla e schiamazzi tali da arrecare disturbo. Tutti i giovani sono stati sanzionati per aver violato le normative anti Covid sul numero di presenze in casa altrui ed invitati a non disturbare il riposo delle persone.

Infine alle ore 3 circa, sempre a Chieti Scalo, gli agenti hanno denunciato a piede libero per guida in stato di ebbrezza un giovane di 22 anni che guidava l’autovettura nei pressi della propria abitazione con un tasso alcolemico superiore al consentito. Il giovane si è giustificato dicendo di dover andare a comprare le sigarette, ma non gli è bastato per evitare l’immediato ritiro della patente di guida.

L’invito della polizia è sempre quello di rispettare le norme al fine di tutelare la salute propria e quella altrui.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Feste universitarie in casa, ma i vicini chiamano la polizia per gli schiamazzi: 15 giovani multati

ChietiToday è in caricamento