Cronaca

Festa della mamma, intervista alla direttrice delle poste teatine

Emanuela La Monaca, mamma-direttrice dell'ufficio postale di via Spaventa, racconta cosa significa per lei conciliare lavoro e famiglia. Nei 147 uffici postali della provincia di Chieti il 67% è donna

Nei 147 uffici postali della provincia di Chieti lavorano 406 donne (il 67% del totale) di queste, 74 sono direttrici e tra di loro ben 62 sono anche mamme: un rapporto di oltre 8 a 10.

Anche Emanuela La Monaca, dal 2010 direttrice dell’ufficio postale di Chieti Centro in via Spaventa è una mamma. Coordina 28 risorse, di cui 12 donne e tra loro 8 sono anche mamme. Nata a Ripa Teatina 49 anni fa, sposata dal 1991, è madre di due ragazzi: Andrea di 21 anni e Alessandro di 17. Una Laurea in Lettere con lode, lavora in Poste Italiane dal 1990 e in passato ha ricoperto il ruolo di direttore presso gli uffici di Brecciarola, Tricalle e Chieti Scalo. Da quattro anni svolge anche l'attività di Trainer, che la impegna nella formazione dei colleghi operatori di sportello e direttori mono operatori.

Ci racconta cosa significa per lei conciliare il lavoro e la famiglia.?

"Il mio primo figlio è arrivato dopo tre anni dal mio ingresso in Azienda - spiega Emanuela La Monaca -  mentre la nascita del secondo ha coinciso con l'inizio della mia crescita professionale e questo ha comportato sicuramente un impegno maggiore per conciliare vita lavorativa e famiglia".

C’è un segreto per riuscire a conciliare così bene le due cose?        
"Il segreto forse consiste nel non considerare lavoro e famiglia incompatibili. Conciliare le due cose è una sfida possibile, perché credo si possono raggiungere ottimi risultati, sia in ambito lavorativo sia familiare, attraverso la profusione di un grandissimo impegno. Personalmente posso dire che ce l'ho fatta, perché ho potuto contare sulla preziosa collaborazione di mio marito, dei miei genitori e dei suoceri, che mi hanno supportata soprattutto quando i figli erano piccoli".

La sua giornata tipo tra lavoro e famiglia?         
"La mia giornata tipo credo sia comune a quella di milioni di donne e mamme che lavorano e che, quotidianamente, provvedono ad organizzare le attività casalinghe preparando colazione, pranzo e cena anche se, nel mio caso, ad ora di pranzo sono in ufficio pertanto è mio marito che provvede. C’è da dire che più di un terzo della giornata la trascorro in ufficio e pertanto, quando sono con la mia famiglia, mi interessa soprattutto valorizzare la qualità della relazione".

 Cosa fa invece nel tempo libero?          
"Adoro dedicarmi alla cura di piante e fiori presenti nel giardino della casa in campagna, oltre alla passione per la cucina che esprimo soprattutto nel preparare dolci e devo dire che i miei figli apprezzano in particolar modo. Altre passioni che cerco di non trascurare sono la lettura, Anna Karenina di Lev Tolstoj è stato il mio ultimo libro letto, e il cinema".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa della mamma, intervista alla direttrice delle poste teatine

ChietiToday è in caricamento