menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa della donna: Confcommercio contro le mimose abusive

Lettera al scrive al prefetto e al sindaco per chiedere controlli in vista dell'8 marzo

Confcommercio Chieti scrive al prefetto e al sindaco per scongiurare la vendita abusiva di mimose in vista della festa della donna. 

L’iniziativa è stata lanciata a livello nazionale da Federfiori e da Confcommercio Terziario Donna con l’obiettivo di combattere l’abusivismo commerciale in occasione dell’8 marzo.  “Siamo di fronte ad un fenomeno annoso che di recente ha assunto dimensioni sempre più consistenti e che, oltre a rappresentare un’evidente forma di elusione fiscale e di concorrenza sleale nei confronti degli operatori regolari, è spesso legato- afferma Marisa Tiberio, presidente provinciale Confcommercio e Terziario Donna Chieti - ad attività criminose ed allo sfruttamento delle persone. Peraltro, la vendita irregolare di fiori incide in maniera sostanziale sulle attività degli operatori del settore floreale causando un calo di fatturato tanto più evidente oggi, in un momento di grave difficoltà in cui versa il comparto”.
 

Da qui l’intento di Confcommercio di richiamare l’attenzione degli organi preposti nella speranza che martedì 8 marzo vengano promossi i controlli del caso sul territorio cittadino. “Acquistare mimose da venditori irregolari può sembrare un gesto innocente ma è, in realtà, illegale. Confido anche nei consumatori- aggiunge Tiberio- affinché acquisiscano una diversa e più profonda consapevolezza della portata di certe azioni”.  
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento