I carabinieri di Abruzzo e Molise festeggiano 205 anni di storia a Chieti

Un'occasione per fare il punto sulle attività che impegnano quotidianamente l'Arma

Questa mattina i Carabinieri d'Abruzzo e del Molise  hanno celebrato nella Caserma Rebeggiani di Chieti, il 205esimo annuale di fondazione alla presenza delle autorità civili, militari e religiose abruzzesi nonché di numerosi studenti e familiari. 

Un saluto particolare è stato rivolto al Generale Umberto Rocca che ha voluto onorare, con la sua presenza, la cerimonia e al quale tutta l’Arma dei Carabinieri resta legata con profondo sentimento di ammirazione per le sue gesta.  

L’arma in Abruzzo e in Molise ha un particolare legame di identità con il territorio e con le sue comunità, essendo presente con le sue stazioni territoriali e forestali in ben 228 comuni, ed in 208 rappresenta l’unico presidio di polizia. La capillarità del dispositivo dispiegato sul territorio è la più marcata evidenza della nostra prossimità nei confronti della popolazione. Nell’anno trascorso l’Arma dei Carabinieri ha perseguito il 77% dei reati complessivamente denunciati e, di questi, ne sono stati scoperti il 60,2%. Un impegno continuo, intenso e pericoloso per tutti i carabinieri di cui 72, nel 2018, hanno riportato lesioni in attività di servizio. 

Il generale di brigata Carlo Cerrina, comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise ha evidenziato come "non ci siano evidenze di radicamento di strutture di sodalizi mafiosi però sono state rilevate presenze di personaggi legati alla criminalitàsu eventuali radicamenti di tipo mafioso nel nostro territorio".

Degne di menzione sono state le varie operazioni interforze quali  quella con la Polizia di Stato che ha portato all’arresto di tutti gli autori della rapina e del ferimento dei coniugi Martelli a Lanciano, l’operazione denominata “Evelin” a Chieti con la Guardia di Finanza per spaccio di stupefacenti, estorsione ed usura, che si è conclusa con l’arresto di 20 persone ed al sequestro di beni per oltre un milione di euro e le operazioni “Pacco Free”, sempre per spaccio di stupefacenti, condotta all’interno del carcere di Larino con i colleghi della Polizia Penitenziaria, che hanno portato complessivamente all’arresto di 9 persone. 

Nel corso della cerimonia è stato rivolto un particolarmente ringraziamento ai signori Questori ed ai Comandanti di Regione e Provinciali della Guardia di Finanza,  a pubblica testimonianza dell’unità di azione  magistralmente diretti, nelle rispettive competenze, dai nostri signori Prefetti e dai Procuratori della Repubblica.

Ma ciò che ha particolarmente valorizzato la cerimonia è stata la folta presenza di ragazzi studenti, un’attenzione che l’Arma dei Carabinieri da sempre rivolge alle nuove leve nell’ambito delle iniziative per promuovere la “cultura della legalità” e l’ “educazione all’ambientale”, certi che tali attività costituiscono il migliore investimento che, specialmente oggi, si possa fare con l’insostituibile contributo dei dirigenti regionali e provinciali e dei docenti con cui l’Arma ha collaborato per la buona riuscita di queste iniziative come per tutte le attività volte a prevenire il fenomeno dello spaccio di sostanze  stupefacenti negli istituti scolastici.

Degne di essere ricordate alcune particolari iniziative nate lo scorso anno, quali la sinergia con l’Ateneo di Teramo per lo svolgimento di alcune conferenze per gli studenti e le convenzioni stipulate per la formazione dei personale dell’Arma dei Carabinieri, a Pescara, in occasione del Natale, insieme all’Associazione adRicesta l’iniziativa “Babbo Natale carabiniere” con la consegna di doni ai bambini ricoverati presso il reparto di oncologia del locale ospedale e le 15 rappresentazioni musicali che hanno visto la presenza della Banda o della Fanfara dell’Arma dei Carabinieri per allietare le popolazioni abruzzesi e molisane a ricordo di particolari momenti commemorativi.
Nel corso della cerimonia un particolare ringraziamento è andato alla Rappresentanza Militare presente per la componente territoriale, del comparto di specialità Forestale e del Centro Nazionale Amministrativo che, da sempre vicina al personale, fornisce costantemente una proficua collaborazione ai Comandanti di tutti i livelli. 

Nel corso della cerimonia sono stati conferiti i riconoscimenti al personale che si è particolarmente distinto in attività di servizio. Sono stati consegnati dal Procuratore Generale della Repubblica di Campobasso, dal Procuratore Distrettuale Antimafia della Repubblica di Campobasso e dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Larino gli Encomi del Comandante della Legione Carabinieri “Abruzzo e Molise” al Maggiore Raffaele IACUZIO, Medaglia d’Argento al Valor Militare, Sottotenente Romeo RUGGIERO, Maresciallo Ordinario Simone GEMMA, Brigadiere Matteo COLAPIETRA, Medaglia d’Oro al Valor Civile, Brigadiere Luigi IACOVELLI, Medaglia d’Oro al Valor Civile, Appuntato Scelto Guido Nicola ZARLENGA e Appuntato Scelto Emiliano TORRICELLA, tutti appartenenti alla Compagnia di Larino (CB), per aver scoperto e perseguito tutti i componenti di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti nella Casa Circondariale di Larino; Al Capitano Vincenzo di BUDUO, Luogotenente Carica Speciale Giuseppe DE FELICE, Maresciallo Maggiore Giovanni DE MICHELI, Brigadiere Capo Luigi D’AMICO, Brigadiere Tommaso CAGNETTA e Appuntato Scelto Qualifica Speciale Pasqualino TAGLIAFERRI, tutti appartenenti al Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Campobasso, per aver scoperto e disarticolato un sodalizio criminale di 22 persone dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti operante nei territori di Campobasso, Foggia ed Avellino.

A seguire sono stati consegnati dai rispettivi sindaci gli attestati di benemerenza quale premio annuale a 6 Comandanti di Stazione Territoriali ed a 3 del comparto di specialità Forestale, particolarmente distintisi in attività istituzionali: Luogotenente Carica Speciale Graziano LEONE, Comandante della Stazione di Pescara Colli, Luogotenente Carica Speciale Amico VENTRESCA, Comandante della Stazione di Nereto (TE), Luogotenente Donato GRAZIANI, Comandante della Stazione di Scerni (CH), Luogotenente Nunzio GENTILE, Comandante della Stazione di Paganica (AQ), Luogotenente Antonio PELUSO, Comandante della Stazione di Riccia (CB), Maresciallo Maggiore Joseph Enzo PEZZULLO, Comandante della Stazione di Frosolone (IS), Maresciallo Ordinario Giuseppe FIDELIBUS, Comandante della Stazione Forestale di Gissi (CH), Brigadiere Capo Qualifica Speciale Luigi IASIMONE, Comandante Nucleo Biodiversità di Popoli (PE) e Brigadiere Sandro MORONI, Comandante della Stazione Parco di Pacentro (AQ). 

Hanno ricevuto, infine, un particolare ringraziamento tutti i Carabinieri che operano nelle Regioni Abruzzo e Molise che, per il quotidiano impegno e dedizione nel servizio, a costo di grandi sacrifici, possono considerarsi degni eredi di quella XXV Legione Marsia che Appiano di Alessandria cita ricordando come “Nec sine marsis nec contra marsos triumphari posse”.


Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

Torna su
ChietiToday è in caricamento