rotate-mobile
Cronaca Casoli

Femminicidio di Casoli, la procura a caccia di prove in tablet e cellulari

Conferito all'informatico forense Cristian Franciosi l'incarico di analizzare i sei dispositivi elettronici sequestrati nell'abitazione dove venne trovata morta Michele Faiers Dawn. Si cercano riscontri sul movente passionale

Le risposte sul movente del delitto potrebbero essere nascoste nei cellulari e nei tablet sequestrati nella casa del delitto di Casoli. A caccia di riscontri la procura di Lanciano, che questa mattina ha affidato all'informatico forense Cristian Franciosi l'incarico di analizzare i dispositivi informatici trovati nell'abitazione di contrada Verratti, dove il 1° novembre scorso è stata trovata senza vita la 66enne inglese Michele Faiers Dawn.

L'unico indiziato, ora in carcere, è il connazionale e convivente Micheal Dennis Withbread, 74 anni, accusato di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione e dal rapporto di convivenza, il quale però ha negato ogni addebito.

Sei sono i dispositivi elettronici che saranno analizzati: tre smartphone, due tablet e un portatile MacBook, in uso sia alla vittima sia al suo compagno. Si cercano riscontri sul movente passionale. Dalle indagini, finora, erano emerse prove di violenze e litigi tra i due, dopo che Michele aveva iniziato a sospettare dei tradimenti del compagno. La perizia tecnica sarà depositata entro 60 giorni.

“È un quesito unico quello chiesto dal procuratore Mirvana Di Serio - spiega l'avvocato Massimiliano Sichetti, difensore d'ufficio del presunto assassino - ovvero accertare la presenza di file audio, video, conversazioni e immagini utili per le indagini. La complessità dell'accertamento tecnico irripetibile può essere legata al fatto che i dispositivi sono tutti accessibili solo con pin, ma si lavorerà per poter accedere e verificare il contenuto".

L'avvocato conferma poi la maxi udienza del 26 febbraio prossimo nel corso della quale si discuterà della scarcerazione o meno, dietro cauzione, di Whitbread e l'estradizione, che l'indagato ha già rifiutato. Il legale sarà sentito come teste preventivo, come è in uso in Inghilterra, probabilmente in collegamento da remoto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Femminicidio di Casoli, la procura a caccia di prove in tablet e cellulari

ChietiToday è in caricamento