menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il cordoglio della Brioni e dello scientifico Da Vinci per la tragica fine di Marina, Ludovica e Fausto

La scuola dove la donna insegnava la ricorda con il corto su un "amore malato" realizzato dagli studenti. E l'azienda di Penne si chiude nel dolore ricordando Filippone per la sua professionalità

Il giorno dopo la tragedia che ha distrutto una famiglia e portato alla morte di una bambina di 10 anni, arriva il momento del cordoglio. 

Il liceo scientifico Da Vinci di Pescara, dove lavorava Marina Angrilli, morta ieri mattina dopo un volo dal terzo piano di un appartamento di piazza Roccaraso, è sconvolto da quanto accaduto. Sulla pagina Facebook della biblioteca scolastica, è stato pubblicato il video di un cortometraggio realizzato dagli studenti del triennio del laboratorio foto e video, "Il Velo", che racconta, come si legge nella descrizione

l'amore "malato" di un ragazzo per la sua fidanzata, attraverso la metafora del "Velo di Maya" di Schopenhauer

A corredo del post, un'amara riflessione che ricorda la docente scomparsa:

Di tragica e stringente attualità… che dire la stessa insensata sete di potere e controllo ieri ha portato via la prof.ssa Marina Angrilli e la sua bambina che ha vissuto ciò che nessun bambino dovrebbe neanche poter pensare…

Alle ore 12, in tutta la scuola si è osservato un minuto di silenzio in memoria della professoressa, che insegnava in tre classi, dove i ragazzi hanno fatto una riflessione con l'aiuto di uno psicologo. 

Cordoglio anche dalla Brioni spa di Penne, eccellenza a livello mondiale, dove lavorava Fausto Filippone, l'uomo che si è suicidato ieri sera, dopo aver ucciso la figlia. Filippone era uno stimato dirigente, che da poco aveva ottenuto una promozione come riconoscimento del suo impegno e della sua professionalità. L'azienda ha diffuso una nota in cui esprime il dolore per quanto accaduto: 

Da anni impiegato nell'azienda, Filippone è stato protagonista di un percorso di crescita professionale continuo, conquistando la stima e l'affetto di dirigenti e collaboratori. Il suo lavoro, svolto sempre con grande professionalità, ne aveva determinato recenti positivi sviluppi di carriera. Di fronte a tale tragedia, l'azienda e i suoi dipendenti si chiudono in un rispettoso silenzio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento