Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Brecciarola

Piove nella casa popolare: padre e figli si incatenano a Brecciarola

Roberto Iezzi e i suoi due figli Stefano e Mattia questa mattina si sono incatenati al balcone della loro abitazione di proprietà dell'Ater in via Saline. Muffa e pioggia stanno causando loro problemi respiratori

Piove in casa e il soffitto delle camere da letto e del bagno è nero per la muffa. Per questo stamani Roberto Iezzi e i suoi due figli Stefano e Mattia hanno deciso di incatenarsi al balcone della loro abitazione in via Saline a Brecciarola. Lì sono rimasti quattro lunghe ore, al caldo, mentre intervenivano vigili e carabinieri.

I tre nello stesso arco di tempo hanno anche cominciato uno sciopero della fame e della sete.

Oltre che dall'acqua, l'appartamento, di proprietà dell'Ater, è pervaso da un odore forte. La famiglia racconta che questo sta causando problemi respiratori ai suoi componenti. "Circa 7 anni fa sono stati fatti lavori  - ha detto il signor Iezzi - ma dopo qualche mese il problema si è ripresentato. Abbiamo fatto la denuncia in Procura ma è stata archiviata".

Nei manifesti appesi addosso, messaggi di sollecito per le istituzioni a non restare indifferenti.

Nel corso della mattinata sono arrivati anche la comandante della polizia Municipale Donatella Di Giovanni e l'assessore comunale Ivo D'Agostino. Quest'ultimo ha riferito di aver segnalato all'Ater il problema, ma che al momento non ci sarebbero fondi per effettuare nuovi lavori. Ha però assicurato alla famiglia Iezzi che entro la fine dell'estate il problema sarà risolto.

La protesta è andata avanti fino alle 14, quando padre e figli si sono convinti a slegarsi, non prima di aver raggiunto un accordo con D'Agostino. Domani andranno insieme a parlare con i responsabili dell'Ater.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piove nella casa popolare: padre e figli si incatenano a Brecciarola

ChietiToday è in caricamento