menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Facevano la spesa senza passare dalla cassa: denunciata una famiglia, c'è anche un minorenne

Due donne, due uomini e un 15enne avevano ideato un sistema ben collaudato per riuscire a portare via beni costosi e giocattoli

All'apparenza sembravano una normalissima famiglia intenta a fare la spesa. In realtà, avevano messo su un sistema ben congegnato per portare via merce di valore da un supermercato alla periferia di Lanciano, coinvolgendo anche un ragazzino. Un intero nucleo familiare, tutti già noti alle forze dell'ordine, è stato denunciato per furto aggravato in concorso: si tratta di G.F., 33 anni, G.G. (37), D.G.M. (38), G.A. (35). Tra loro c'è anche un giovanissimo di 15 anni, denunciato alla procura per i minorenni. 

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della compagnia di Lanciano, i cinque, due uomini e due donne, oltre al ragazzino, entravano nel supermercato nelle ore più affollate e nascondevano gli articoli sotto i vestiti. La razzia si concentrava su giocattoli e generi alimentari non deperibili come zucchero, liquori, scatolette di tonno. 

Poi si avviavano alle cassa per pagare qualcosa, in modo da non destare sospetti, mentre gli altri distraevano la cassiera per allontanarsi approfittando della confusione. Una tecnica che hanno usato diverse volte, riuscendo a impossessarsi di merce per oltre 1.000 euro. 

Il gestore del supermercato si è accorto dei furti e ha denunciato tutto ai militari, che grazie alle immagini di videosorveglianza, visionate con cura e attenzione, hanno individuato il quintetto. 

Così, ieri, su disposizione della procura di Lanciano, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e della stazione hanno provvedo a effettuare una perquisizione a casa della famiglia di presunti ladri, nella zona vecchia della città. E proprio qui sono stati trovati i giocattoli sottratti al supermercato, compresi costosi droni. La refurtiva è stata sequestrata, in attesa della restituzione all'avente diritto. 

La famiglia dovrà rispondere di furto aggravato in concorso. 

Continuano pressanti, intanto, i servizi preventivi di controllo del territorio, fortemente intensificati negli ultimi tempi da parte della Compagnia Carabinieri di Lanciano diretta dal Capitano Vincenzo Orlando, che stanno interessando sia il centro cittadino che le aree più periferiche della giurisdizione con controlli mirati a contrastare le fenomenologie predatorie e lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento