Cronaca

Prescriveva farmaci e diete, ma non era un medico: denunciato falso dietologo

La finanza ha scoperto che un 59enne della provincia di Chieti seguiva circa 400 pazienti, riuscendo a ingannare, con finte ricette, persino le farmacie. Inoltre si faceva pagare senza rilasciare alcuna ricevuta

Raccontava di essere un medico dietologo nutrizionista e aveva persino uno studio nel centro di Pescara dove riceveva numerosi pazienti, prescrivend cure e piani nutrizionali. Ma T.M., 59 anni, della provincia di Chieti, non era che un abusivo: non aveva alcun titolo per poter svolgere quella professione e, soprattutto, per prescrivere cure o diete. L'uomo è stato scoperto e denunciato dai militari del comando provinciale della guardia di finanza di Pescara. 

Sebbene fosse un abusivo, il finto professionista era molto noto e stimato in tutta la regione, specialmente nell'entroterra teramano, dove si era costruito un discreto giro di clienti, che lo stimavano e si fidavano. Eppure, l'uomo non aveva alcun titolo per esercitare e ha rischiato di mettere a repentaglio la salute di molti, poiché prescriveva anche farmaci, su formulari che riuscivano a ingannare anche le farmacie. 

Le indagini e le perquisizioni effettuate dai finanzieri del nucleo di polizia economico-cinanziaria di Pescara hanno permesso di sottoporre a sequestro numerosi bollettari medici in bianco, materiale informatico, cartelle contenenti dati clinici di oltre quattrocento clienti e, ovviamente, copiosa documentazione utile per la successiva attività di controllo fiscale. Infatti, oltre ad esercitare abusivamente l’attività sanitaria, il falso medico ha altresì operato in totale evasione fiscale. 

Nonostante una prima denuncia, il finto professionista ha continuato a ricevere ignari pazienti, per cui le Fiamme Gialle hanno proceduto a una seconda denuncia a piede libero e al sequestro dello studio. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prescriveva farmaci e diete, ma non era un medico: denunciato falso dietologo

ChietiToday è in caricamento