Cronaca

Incidenti e morti sul lavoro: la Provincia di Chieti che fa?

Qual è lo stato dell'arte della Provincia sulla sicurezza nei luoghi di lavoro? Lo chiede il consigliere Idv Palmerino Fagnilli dopo l'ennesimo incidente avvenuto sul lavoro, ieri, in un supermercato

Ieri pomeriggio (22 novembre) un muratore di San Buono è precipitato da una scala all'interno del supermercato Conad a Francavilla al mare.

Il 50enne, cadendo da un'altezza di 3 metri, ha battuto la testa, è stato sottoposto a un intervento chirurgico al "Santo Spirito" di Pescara, le sue condizioni sono gravi.

Mentre i carabinieri indagano, assitiamo inermi all'ennesimo incidente sul lavoro. Conosciamo il triste primato della provincia teatina evidenziato recentemente dai dati Inail: nti sul lavoro: maglia nera alla Provincia di Ch 6.605 infortuni verificatisi sul lavoro nel 2010 e dieci incidenti mortali negli ultimi due anni.

Alla luce di questi episodi - ricordiamo un altro incidente che poco più di un mese fa coinvolse un falegname di Francavilla - il consigliere provinciale Idv Palmerino Fagnilli, chiede alla Provincia cosa si sta facendo per garantire la sicurezza sui posti di lavoro.

"In questo ultimo anno - spiega Fagnilli - non sono mancati eventi tragici nella nostra regione che hanno anche visto tenere, poi, convegni ed incontri sul tema. Puntualmente poi, quando accadono incidenti come questo il tema torna di moda, una triste moda che, passato il clamore, tutto torna nella triste normalità, fino al prossimo disastro".

Ma, giunti ormai alla fine del 2011, si può constatare che da parte della Provincia di Chieti nessuna iniziativa sia stata portata a termine, basti pensare alla formazione professionale in materia, della quale l'Ente è titolare. "I corsi dell’Agenzia Formativa Provinciale sulla sicurezza nei luoghi di lavoro - continua il consigliere Idv - non si sono tenuti e le graduatorie per l’attività di docenza della stanno per scadere. In tal senso si interroga quali sono le intenzioni dell’Amministrazione Provinciale in merito, ossia se i corsi si terranno e la validità delle graduatorie per la docenza verranno prorogate affinché sin da subito si possa operare per stare a fianco di lavoratori ed imprese e del sistema sociale per scongiurare le lacrime e il dolore di molte famiglie che vedono i propri cari cercare lavoro e svolgerlo, per ritrovarsi a piangere sui tragici eventi che comportano gravi danni ed enormi costi ai singoli come alla società. Non credendo sia questo il senso e il significato del Lavoro - conclude Fagnilli -con i suoi risvolti sui cui la Costituzione Italiana fonda la sua Repubblica democratica sollecitiamo ognuno a fare la sua parte e la Provincia di Chieti la propria".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti e morti sul lavoro: la Provincia di Chieti che fa?

ChietiToday è in caricamento