Ezio Colanzi: un viaggio in bicicletta tra i paesi abbandonati dell’Abruzzo

Nuova impresa del cicloviaggiatore Ezio Colanzi: "Viaggerò da solo con la mia bici, tenda e fornello". Un itinerario montano di 15 giorni che si concluderà a Gessopalena

“Mi chiamo Ezio Colanzi, trascorro il tempo libero viaggiando in mountain bike. Preferisco porre una meta alla fine di ogni itinerario e così avere una direzione. Eppure la sostanza di ogni viaggio sta in tutto quello che capita prima di arrivare. Pianure ampie dove corre il vento, montagne monumentali e sacrosante, l'imprevisto della neve. Gli uomini e le loro storie”, con queste parole il biker abruzzese Ezio Colanzi presenta, sul suo blog www.cicloeremia.com,  la sua nuova avventura: un viaggio in bicicletta tra i paesi abbandonati dell'Abruzzo, un itinerario tutto montano che toccherà tutte le più affascinanti alture  dell'Italia Centrale, dai Monti della Laga al Gran Sasso d'Italia, al Parco Naturale Sirente Velino, fino alla Majella.

Il viaggio, iniziato domenica scorsa e che avrà la durata di 15 giorni, toccherà alcuni borghi disabitati e perduti tra le montagne abruzzesi, molti di essi non sono raggiunti da strade, ma soltanto da sentieri e vecchie mulattiere: Faraone Antico, Laturo, Valle Pezzata, Sperone, Buonanotte.

“Sono molto curioso di pedalare sull'Appennino, anzi nell'Appennino – spiega il giovane imprenditore di Archi con la passione per la bici -  ovvero dentro l'Italia più introversa, che trova la propria sostanza nel passato. E dove anche nei centri oggi abitati aleggia un sospetto di abbandono. Ho scelto di viaggiare da solo con bussola e mappe. Mi sembra questo il modo giusto di visitare l'Appennino, guardandosi intorno e notando che le cime hanno fisionomie, hanno sembianze distintive”.

“Mi piace credere – aggiunge Ezio -  che certi luoghi più che abbandonati siano stati attraversati da uomini, i quali sono rimasti lì giorni o stagioni della loro vita o da generazioni che di nuovo hanno deciso di partire. D’altra parte l’ abbandono è un attraversamento. E in questo ci vedo un'assoluta somiglianza con il viaggio in bicicletta”.
 

L’itinerario del cicloviaggiatore si concluderà domenica 21 giugno a Gessopalena. Al suo rientro lo attenderà un evento apposito organizzato dall’associazione “Gessiamo”, dai Fotoamatori Sangro Aventino, da Cicloeremia, con il patrocinio del Comune di Gessopalena, che consisterà in un convegno sui paesi abbandonati al quale prenderanno parte il prof. Aurelio Manzi (botanico), il dott. Vincenzo Pallini (filosofo e sociologo), il cabarettista  antropologo Domenico Turchi e il fotografo Loris Falasca. Durante l’iniziativa avverrà la premiazione del concorso fotografico internazionale “L’Abbandono”.

Intanto Ezio ricorda: “Seguite il mio viaggio, passo dopo passo, sul mio blog  www.cicloeremia.com. Ci si vede a Gessopalena il 21 giugno in occasione dell'evento nel paese vecchio. Io sono già partito per esserci. In ogni caso chi arriva prima aspetta!”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • Coronavirus: 116 nuovi casi in Abruzzo, 40 in provincia di Chieti

  • Coronavirus: dimesso dall'ospedale un paziente trattato con il farmaco sperimentale Tocilizumab

  • Coronavirus in Abruzzo, Marsilio: "Un pizzico di speranza dai dati dei nuovi contagi"

  • Coronavirus, in Abruzzo sono morte altre 10 persone

  • Diffondono il panico con il vocale su Whatsapp che accusa il commerciante: denunciati per procurato allarme

Torna su
ChietiToday è in caricamento