menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli studenti tornano sul Colle: la ex Pierantoni affidata per 30 anni all'Adsu

Ora l'azienda per il diritto agli studi universitari può presentare la domanda di finanziamento per i lavori di manutenzione e ristrutturazione edilizia ed urbanistica, partecipando a un bando del ministero dell'Istruzione

Il progetto della Casa dello studente nel centro di Chieti, all'interno della ex caserma Pierantoni, potrebbe diventare presto realtà. Questa mattina (venerdì 7 aprile) è stato stilato il verbale ufficiale che concede all'Azienda per il diritto agli studi universitari di Chieti-Pescara l'uso per 30 anni, a titolo gratuito, della struttura. Un passo che segue l'Accordo di programma firmato a gennaio dell'anno scorso tra Comune di Chieti, Adsu e Regione

Lo scorso novembre, dopo un sopralluogo, il Comune aveva annunciato che in primavera sarebbe stato pronto il progetto esecutivo. A questo punto, l'Adsu può presentare la domanda di finanziamento per i lavori di manutenzione e ristrutturazione edilizia ed urbanistica dell’importante edificio pubblico, tramite la partecipazione a un bando del ministero dell'Istruzione. 

"Il progetto - commenta il sindaco Umberto Di Primio - presente già nel programma di governo, ha trovato uno straordinario partner nell’Azienda per il Diritto allo Studio che ha deciso di investire sulla residenza universitaria nella città alta, al fine di dare una risposta alle esigenze della popolazione studentesca. Portare nel centro storico 200 studenti universitari - aggiunge - vuol dire riattivare l’economia di diversi settori, ma soprattutto determinerà il rilancio della residenza privata universitaria attraverso il recupero di un immobile dismesso. La già avviata “No Tax Area” nella zona in cui sorge la struttura, il collegamento veloce attraverso la funivia tra la parte alta della città e l’università, finanziato all’interno del Masterplan Abruzzo, ridetermineranno non solo l’aspetto di Chieti ma la stessa vitalità economica cittadina".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento