menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex allenatore di baseball si difende in tribunale: "Nessuna violenza sessuale sui ragazzini"

Il 52enne sostiene che le dichiarazioni delle sue presunte vittime sono state fraintese dalle famiglie che hanno poi denunciato

Respinge tutte le accuse che gli vengono contestate l'ex allenatore di baseball accusato di violenza sessuale nei confronti di nove ragazzini fra gli 8 e i 13 anni. Il 52enne è stato interrogato ieri durante l'udienza del processo in corso al tribunale di Chieti. Secondo l'accusa, approfittando del suo ruolo e della fiducia che in lui riponevano le famiglie dei bambini che allenava, avrebbe approfittato di loro in diverse occasioni e luoghi, dopo gli allenamenti o nel corso di alcune trasferte. 

Ai cronisti presenti fuori dall'aula (l'udienza si è svolta a porte chiuse), l'ex allenatore, difeso dall'avvocato Luigi Antonangeli, ha chiarito la sua innocenza, e ha annunciato che, una volta finito il processo, spiegherà quello che è realmente accaduto. Per lui, le dichiarazioni dei ragazzi sarebbero stati fraintese dalle famiglie che hanno poi denunciato e fatto scattare l'inchiesta.

L’udienza si è aperta con l'esame del consulente della procura, il medico legale Cristian D’Ovidio, il quale chiamato a pronunciarsi sulle lesioni riportate da una delle piccole vittime e rilevate in ospedale, ha chiarito che sono compatibili con abusi sessuali.

La prossima udienza è in programma il 27 novembre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento