Evasione da 3,6 milioni: condannato l'amministratore della Virtus

Claude Alain Di Menno Di Bucchianico è stato condannato a un anno e 4 mesi di reclusione per omessi versamenti dell'Iva e delle ritenute d'imposta per 3 milioni e 600 mila euro relativi agli anni 2014, 2015 e 2016

Nuova condanna per Claude Alain Di Menno Di Bucchianico, amministratore unico della SS Virtus Lanciano 1924 srl, difeso dall'avvocato Paolo Sisti. Ieri, con rito abbreviato, il tribunale di Lanciano lo ha condannato a un anno e 4 mesi di reclusione per omessi versamenti dell'Iva e delle ritenute d'imposta per 3 milioni e 600 mila euro, con danno per l'Agenzia delle Entrate, relativi agli anni 2014, 2015 e 2016.

Il giudice ha condannato l'amministratore della Virtus alle pene accessorie e ordinato che a sentenza passata in giudicato ci sia la confisca dei beni intestati, cointestati e nell'attuale disponibilità della società Virtus Lanciano, fino al recupero del debito.

Per il mancato pagamento dell'Iva la Virtus Lanciano incorse nei punti di penalizzazione nel campionato di Serie B che, nel 2016, gli costò la retrocessione.

Potrebbe interessarti

  • Tumore al seno e all’ovaio: "forte componente ereditaria" nelle donne che hanno effettuato il 'test Jolie'

  • Voglia notturna di cornetto? Ecco le cornetterie aperte a Chieti

  • Ingredienti pericolosi nelle creme solari: è allarme

  • Si cerca uomo scomparso questa mattina a Chieti

I più letti della settimana

  • Tragedia in mare, morti i due ragazzi dispersi in zona Foro

  • È morta Nadia Toffa, amica di Chieti e dell'Abruzzo

  • Ciao Lorenzo, tanta commozione al funerale del ragazzo morto durante una partita di calcetto

  • Ortona, due ragazzi dispersi in mare nella zona del Foro

  • La guida agli eventi del Ferragosto 2019

  • Droga, arrestato insospettabile: spacciava cocaina e hashish

Torna su
ChietiToday è in caricamento