Storico sì dell'Ue all'etichetta di origine su 80mila quintali di formaggi abruzzesi

Per Coldiretti un'ottima notizia per consumatori e allevatori, che oggi ricevono cifre esigue per il latte: in Abruzzo 5mila famiglie sono legate alla produzione, alla trasformazione, alla commercializzazione e a tutto l’indotto del mondo rurale

L’Unione Europea dice sì all’etichetta di origine su latte e prodotti lattiero-caseari. Una notizia storica, considerato che si farà così chiarezza sui circa 80mila quintali di formaggi prodotti in Abruzzo di cui però, secondo la Coldiretti regionale, solo la metà sono prodotti con latte abruzzese. 

Alla mezzanotte del 13 ottobre sono scaduti senza obiezioni i tre mesi dalla notifica previsti dal regolamento 1169 del 2011, come termine per rispondere agli Stati membri che ritengono necessario adottare una nuova normativa in materia di informazioni sugli alimenti. Una buona notizia sia per i consumatori appassionati di prodotti caseari sia per gli allevatori, a cui oggi arrivano compensi oscillanti tra i 30 e i 40 centesimi, spesso al di sotto dei costi di produzione, e che ora potranno veder meglio valorizzato il proprio lavoro.

Il provvedimento riguarda, sottolinea la Coldiretti, l’indicazione di origine del latte o del latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari che dovrà essere indicata in etichetta con “paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte”; “paese di condizionamento: nome della nazione nella quale il latte è stato condizionato”; “paese di trasformazione: nome della nazione nella quale il latte è stato trasformato”.

Qualora il latte o il latte usato come ingrediente nei prodotti lattiero-caseari sia stato munto, condizionato e trasformato nello stesso Paese, l’indicazione di origine può essere assolta, precisa la Coldiretti, con l’utilizzo della dicitura “origine del latte: nome del paese”. Se invece le operazioni indicate avvengono nei territori di più paesi membri dell’Unione europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: “miscela di latte di Paesi Ue” per l’operazione di mungitura, “latte condizionato in Paesi Ue” per l’operazione di condizionamento, “latte trasformato in Paesi Ue” per l’operazione di trasformazione. 

Infine se le operazioni avvengono nel territorio di più paesi situati al di fuori dell’Unione Europea, per indicare il luogo in cui ciascuna singola operazione è stata effettuata possono essere utilizzate le seguenti diciture: “miscela di latte di Paesi non Ue” per l’operazione di mungitura, “latte condizionato in Paesi non Ue” per l’operazione di condizionamento, “latte trasformato in Paesi non Ue” per l’operazione di trasformazione. L' entrata in vigore e fissata 60 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale e quindi, conclude la Coldiretti,  auspicabilmente dal primo gennaio 2017 come è stato previsto per un testo analogo in Francia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo i dati di Coldiretti Abruzzo in regione 5mila famiglie sono legate alla produzione di latte, alla trasformazione, alla commercializzazione e a tutto l’indotto del mondo rurale (veterinari, mangimisti, produttori di cereali, ecc) di cui fanno parte una quarantina di caseifici artigianali e 500 allevatori di latte bovino che producono circa 700mila quintali di latte (che generano un indotto di oltre 40milioni di euro) destinati per metà circa all’imbottigliamento e per l’altra metà alla trasformazione in circa 40mila quintali di formaggio. "A beneficiare della nuova norma – spiega Coldiretti Abruzzo – saranno non solo le aziende agricole regionale ma anche i consumatori che potranno così essere sicuri di mangiare formaggio veramente abruzzese”. In proposito Coldiretti Abruzzo ricorda che nell’elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali sono citati ben 14 tipi di formaggi abruzzesi: caciotta di vacca, caciocavallo abruzzese, caciofiore aquilano, caciotta vaccina frentana, caprino abruzzese, ricotta di stazzo, giuncata vaccina, giuncatella abruzzese, Incanestrato di Castel del Monte, pecorino d’abruzzo, Pecorino di Atri, Pecorino di Farindola, Pecorino marcetto, scamorza abruzzese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Interruzioni idriche a Chieti e provincia dal 20 al 27 ottobre: il calendario completo

  • Coprifuoco anche in Abruzzo? Marsilio: "Sì, se necessario"

  • Coronavirus a Chieti: 2 casi positivi e 7 persone in isolamento

  • Capodanno in autogrill a Brecciarola: l’evento diventa virale anche in Abruzzo

  • Concorso al Mibact: pubblicati gli avvisi per la formazione delle graduatorie, in Abruzzo 21 posti

  • La resa dei conti nel centrodestra è arrivata: Febbo non è più assessore regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento