rotate-mobile
Cronaca Cupello

80 euro per avere indietro la saldatrice ma è una balla: 21enne finisce in manette

Il giovane aveva garantito alla vittima di fargli riavere la saldatrice che gli era stata rubata. Dieci giorni prima era stato denunciato per aver rubato un decespugliatore a Cupello

Un 23enne di Cupello è stato arrestato con l’accusa di estorsione dopo una denuncia sporta dalla vittima, un 45enne del posto.

L’episodio è avvenuto ieri mattina quando il giovane aveva garantito all’uomo di fargli riavere la saldatrice che gli era stata rubata qualche giorno prima e che, a suo dire, si trovava nelle mani  di un rom da lui conosciuto. In cambio aveva chiesto 80 euro.

I carabinieri, messi a conoscenza dell’accaduto, hanno deciso di accompagnare il 45enne all’appuntamento, fissato dal giovane per la tarda mattinata nei pressi della pineta comunale. Con le banconote preventivamente fotocopiate dai militari la vittima ha incontrato il 23enne e gli ha consegnato il denaro. L’estorsore, a quel punto, ha detto che si sarebbe allontanato per pochi minuti per recarsi a prendere la saldatrice.

In quel momento i carabinieri sono intervenuti per bloccare il 23enne prima che si dileguasse. Messo alle strette, quest’ultimo  ha confessato tutto: non era in possesso della saldatrice e non sapeva chi l’aveva rubata e aveva organizzato tutto da solo dopo aver saputo, casualmente, del furto subito dal 45enne. Per lui sono però ugualmente scattate le manette ai polsi con l’accusa di estorsione.

Circa dieci giorni fa era stato denunciato a piede libero con l’accusa di ricettazione: sempre a Cupello, nel corso di un controllo, era stato trovato in possesso di un decespugliatore rubato due giorni prima a un 32enne.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

80 euro per avere indietro la saldatrice ma è una balla: 21enne finisce in manette

ChietiToday è in caricamento