Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Fossacesia

La banda del bancomat torna a colpire: boato nella notte a Fossacesia

Intorno alle 5, i malviventi hanno fatto esplodere lo sportello della Ubi Banca, nel centro del paese, per fuggire nel giro di pochissimi minuti con il bottino

Foto d'archivio

L'arresto del mese scorso di uno dei responsabili del colpo a Poggiofiorito di settembre 2017 non è bastato a fermare gli assalti della "banda della marmotta" nel frentano e in tutta la provincia di Chieti. Questa volta è toccato a Fossacesia, dove i banditi hanno colpito con il solito metodo alla Ubi Banca nel centro del paese, nelle vicinanze del municipio. Intorno alle 5 del mattino, hanno inserito l'esplosivo nello sportello e hanno poi arraffato tutte le banconote possibili, per fuggire infine verso l'autostrada, prima dell'arrivo dei carabinieri, tempestivamente avvisati. 

L'esplosione ha inevitabilmente svegliato i residenti della zona, allarmati dal boato. Secondo una prima stima, il bottino ammonterebbe ai 40mila euro. 

Secondo alcune testimonianze, i banditi erano tre, arrivati a bordo di una Alfa 147, incappucciati e mascherati. Appena arraffati i soldi, sono fuggiti verso Val di Sangro. Indagano i carabinieri della compagnia di Ortona e stazione di Fossacesia.

Si allunga dunque l'elenco dei colpi fotocopia in provincia di Chieti negli ultimi 12 mesi e ben prima. L'ultimo in ordine di tempo è il colpo alle poste di Fara San Martino, di domenica mattina. Nel mese di maggio, i carabinieri riuscirono a sventare un tentativo di furto a Piane d'Archi, mettendo le manette ai banditi dopo un inseguimento. Qualche giorno prima, era stata presa di mira la Bper di Mozzagrogna. Qualche mese di tregua per trovare, andando indietro nel tempo, l'agguato alla Bper di San Vito Chietino, messo a segno a marzo in piena notte. Nel mese di febbraio, a Santa Maria Imbaro, i ladri erano riusciti a portare via il bancomat delle Poste sfondando un muro.

E ancora, a ottobre, ad Atessa, il bancomat fu svaligiato senza esplosivo, ma con l'uso di un grimaldello, a pochi giorni da un colpo notturno alla banca Monte dei Paschi di Siena di Francavilla al Mare. Qualche giorno prima, il boato aveva svegliato i residenti di Fara Filiorum Petri, colpo arrivato a stretto giro dalla doppia esplosione in una notte a Ripa Teatina e Miglianico. Colpo fotocopia di quello del mese di agosto dell'anno scorso, prima a Castel Frentano, poi a Frisa

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda del bancomat torna a colpire: boato nella notte a Fossacesia

ChietiToday è in caricamento