Caricano il bancomat di esplosivo, carabinieri li inseguono e li arrestano

Sventata esplosione al Postamat di Piane d'Archi la scorsa notte. Cinque pugliesi finiti in manette, uno di oro è rimasto ferito nel corso di una sparatoria ed è ricoverato in ospedale

Sparatoria nella notte a Piane d'Archi, in Val Sangro, dove i carabinieri hanno sventato un colpo al bancomat delle poste, caricato di esplosivo, che fortunatamente non è esploso.

Cinque banditi originari di Cerigola e dintorni, provincia di Foggia, erano infatti in procinto di far esplodere il Postamat quando sono stati sorpresi dai militari.

I malviventi, armati di fucili, non hanno esitato ad ingaggiare un pericoloso conflitto a fuoco con i carabinieri: uno dei rapinatori all’esito è rimasto ferito alla gamba ed è stato ricoverato all’ospedale “Renzetti” di Lanciano con una prognosi di 30 giorni. Illesi, invece, i carabinieri intervenuti i quali, dopo un inseguimento, sono riusciti a bloccare e ad arrestare i cinque foggiani a bordo di un'auto nelle campagne circostanti.

Si tratta  tratta dei cerignolani Potito Diglio di 36 anni, del 43enne Francesco Reddavide e di Massimiliano Lionetti di 47, quest’ultimo rimasto ferito. In manette anche il 38enne Antonio Cataldo e Cristoforo Aghilar di 35 anni.Tra le accuse quella di tentato omicidio poichè nella fuga i banditi avrebbero tentato di inestrie un carabiniere.

Un gruppo di giovani che in quel momento si trovava al bar del paese è scappato in auto per lo spavento ritrovandosi nel mezzo del conflitto a fuoco: sono rimasti tutti illesi. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e il 118.

I malviventi arrestati la scorsa notte sarebbero ritenuti anche i responsabili di una recente rapina in una gioielleria al centro commerciale di Lanciano.

In merito all'operazione dei carabinieri della scorsa notte a Piane d'Archi, il sindaco di Lanciano e presidente della Provincia di Chieti, Mario Pupillo, ha commentato:

L'eccezionale operazione che la scorsa notte ha portato alla cattura di 5 malviventi è la dimostrazione, semmai ce ne fosse bisogno, del lavoro instancabile che le Forze dell'Ordine e l'Autorità Giudiziaria svolgono, quotidianamente, a servizio della comunità. Spesso è un lavoro svolto nell'ombra, in silenzio e proprio per questo efficace. Il nostro grazie va agli uomini e alle donne impegnati a tutela della nostra sicurezza, anche a rischio della propria vita come dimostra l'operazione di questa notte, che ha consentito di assicurare alla giustizia 5 uomini ritenuti responsabili, tra l'altro, della rapina a mano armata nel centro commerciale di Lanciano di pochi giorni fa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Complimenti vivissimi ai Carabinieri del Comando Provinciale di Chieti e alla Procura della Repubblica di Lanciano nella persona del Procuratore capo dott.ssa Di Serio che coordina le indagini. A nome delle Comunità che rappresento istituzionalmente esprimo sentimenti di gratitudine e orgoglio al Comandante provinciale dei Carabinieri Colonnello Florimondo Forleo e al Prefetto Antonio Corona per il successo dell'operazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si è spento a 60 anni Marcello Petaccia, proprietario di un'ottica a Chieti

  • Venticinquenne si ribalta con la Bmw a Chieti: miracolosamente illeso

  • Presentata la nuova giunta comunale a Chieti: Rispoli al lavori pubblici, Pantalone al commercio

  • Il Consiglio di Stato boccia definitivamente il progetto Mirò: stop al centro commerciale di Santa Filomena

  • Tamponamento a catena sull’asse attrezzato, diverse auto coinvolte

  • "I dipendenti con un familiare in attesa di tampone devono andare al lavoro": la denuncia dell'Usb

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento