Cronaca

Escursionista di Chieti ferita sul Gran Sasso: salva grazie al Georesq

Era stata colpita al ginocchio sinistro da un grosso masso precipitato dall'alto lungo il sentiero di Pizzo Cefalone, a 2.400 metri, ed è riuscita a lanciare l'allarme al soccorso alpino con la app dal proprio smartphone

Un'escursionista di Chieti rimasta ferita domenica sul Gran Sasso è stata rintracciata e salvata grazie al GeoResQ, un'applicazione per smartphone gestita dal Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico.

La donna era stata colpita al ginocchio sinistro da un grosso masso precipitato dall'alto lungo il sentiero di Pizzo Cefalone, a 2400 metri di quota, ed è riuscita a lanciare l'allarme al soccorso alpino con un semplice clic dal proprio smartphone, mettendo a conoscenza delle proprie coordinate la centrale operativa. La app infatti, tramite un servizio di geolocalizzazione e d'inoltro delle richieste di soccorso, consente di determinare la propria posizione geografica e di effettuare il tracciamento in tempo reale delle proprie escursioni.

Un elisoccorso dell'Aquila ha quindi raggiunto la vetta: dopo essere stata stabilizzata in quota dal personale del 118, l'escursionista è stata trasportata all'ospedale 'San Salvatore' dell'Aquila.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Escursionista di Chieti ferita sul Gran Sasso: salva grazie al Georesq

ChietiToday è in caricamento