Nascondono un chilo e mezzo di eroina tra le macerie di un rudere: madre e figlio arrestati

Il blitz è scattato ieri nel primo pomeriggio, dopo diversi servizi di appostamento dei carabinieri di Lanciano. La droga è stata sequestrata

I carabinieri della compagnia di Lanciano hanno sequestrato un chilo e mezzo di eroina che era stata nascosta tra le macerie di un rudere abbandonato e arrestato due persone: V.M., 63 anni ed L.D.R., 29, madre e figlio, finiti in carcere.

Il blitz è scattato ieri nel primo pomeriggio, dopo diversi servizi di appostamento dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile in un’area boschiva in contrada Serroni, al confine con Treglio, dove erano stati segnalati strani movimenti di persone, nonostante le asperità presenti nella zona.

E ieri i carabinieri hanno notato un’utilitaria bianca con a bordo madre e figlio sopraggiungere dalla strada principale fino a raggiungere una stradina sterrata. Mentre la donna si inoltrava a piedi all’interno della vegetazione e raggiungeva un piccolo rudere abbandonato prelevando qualcosa da sotto le tegole di un tetto diroccato per  poi tornare indietro, l’altro era rimasto a fare da sentinella.

A quel punto i militari hanno bloccato subito i due, rinvenendo addosso alla donna due involucri contenenti 100 grammi di eroina. Poi, raggiunto il piccolo rudere, sotto alcune tegole del tetto semidistrutto, i militari hanno trovato altri 4 involucri uguali di circa 400 grammi di peso e due panetti da mezzo chilo  ciascuno per un totale di 1,5 chili di droga che è stata sequestrata, così come l’autovettura utilizzata dalla coppia.

EROINA SEQUESTRATA-2

Il valore dello stupefacente sequestrato, una volta sul mercato, sarebbe stato di circa 40 mila euro. Per madre e figlio sono quindi scattate le manette: i due si trovano rispettivamente nelle case circondariali di Teramo e Lanciano, in attesa dell’udienza di convalida. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri, guidati dal capitano Vincenzo Orlando, intanto continuano le verifiche per individuare la provenienza dello stupefacente, quasi sicuramente destinato alla piazza locale e l’esistenza di eventuali complici  dei due arrestati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l’ora solare e guadagneremo un’ora in più di sonno

  • Traffico paralizzato in centro per l'auto dei vigili in divieto di sosta: multati dai loro colleghi

  • Le migliori pizzerie 2020 di Chieti e provincia secondo 50 Top Pizza sono cinque

  • In provincia di Chieti 32 comuni di montagna rischiano di scomparire: arrivano contributi dalla Regione

  • Furto con scasso in una pizzeria del centro di Chieti, il titolare pubblica le foto dei ladri sui social: "Chi li riconosce?"

  • Da Forlì a Chieti: il tenente colonnello d'Imperio è il nuovo comandante del reparto operativo dei carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento