Nascondono un chilo e mezzo di eroina tra le macerie di un rudere: madre e figlio arrestati

Il blitz è scattato ieri nel primo pomeriggio, dopo diversi servizi di appostamento dei carabinieri di Lanciano. La droga è stata sequestrata

I carabinieri della compagnia di Lanciano hanno sequestrato un chilo e mezzo di eroina che era stata nascosta tra le macerie di un rudere abbandonato e arrestato due persone: V.M., 63 anni ed L.D.R., 29, madre e figlio, finiti in carcere.

Il blitz è scattato ieri nel primo pomeriggio, dopo diversi servizi di appostamento dei carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile in un’area boschiva in contrada Serroni, al confine con Treglio, dove erano stati segnalati strani movimenti di persone, nonostante le asperità presenti nella zona.

E ieri i carabinieri hanno notato un’utilitaria bianca con a bordo madre e figlio sopraggiungere dalla strada principale fino a raggiungere una stradina sterrata. Mentre la donna si inoltrava a piedi all’interno della vegetazione e raggiungeva un piccolo rudere abbandonato prelevando qualcosa da sotto le tegole di un tetto diroccato per  poi tornare indietro, l’altro era rimasto a fare da sentinella.

A quel punto i militari hanno bloccato subito i due, rinvenendo addosso alla donna due involucri contenenti 100 grammi di eroina. Poi, raggiunto il piccolo rudere, sotto alcune tegole del tetto semidistrutto, i militari hanno trovato altri 4 involucri uguali di circa 400 grammi di peso e due panetti da mezzo chilo  ciascuno per un totale di 1,5 chili di droga che è stata sequestrata, così come l’autovettura utilizzata dalla coppia.

EROINA SEQUESTRATA-2

Il valore dello stupefacente sequestrato, una volta sul mercato, sarebbe stato di circa 40 mila euro. Per madre e figlio sono quindi scattate le manette: i due si trovano rispettivamente nelle case circondariali di Teramo e Lanciano, in attesa dell’udienza di convalida. 

I carabinieri, guidati dal capitano Vincenzo Orlando, intanto continuano le verifiche per individuare la provenienza dello stupefacente, quasi sicuramente destinato alla piazza locale e l’esistenza di eventuali complici  dei due arrestati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • A Megalò arriva il colosso irlandese Primark

  • L'Abruzzo torna in zona arancione da domenica

  • Focolaio dopo l'uccisione del maiale: a Pizzoferrato salgono a 71 i positivi

  • Esce dal negozio con le scarpe nuove ai piedi, dopo aver messo le vecchie nella scatola: denunciato

  • Colpisce alla testa il fratello che viene ricoverato in prognosi riservata

  • Allerta meteo della Protezione civile: nevicate fino a quote collinari

Torna su
ChietiToday è in caricamento