menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Edilizia scolastica: protesta del Blocco Studentesco per esigere la messa a norma

Gli striscioni affissi all'inizio dell'anno scolastico per denunciare le precarie condizioni degli edifici

"Scuole decadenti, fondi inesistenti, chi paga sono gli studenti!". Così recitano gli striscioni affissi dai militanti del Blocco Studentesco nei pressi degli istituti superiori d'Abruzzo e Molise, per denunciare le precarie condizioni degli edifici scolastici delle nostre Regioni e il mancato stanziamento di fondi per i lavori d'adeguamento struttarali necessari per la messa a norma.

"Non possiamo più aspettare - afferma Alessio Capone, responsabile regionale Abruzzo e Molise del Blocco Studentesco, in una nota - che siano eventi come il tragico sisma nel centro Italia a risvegliare le coscienze dei politici sul tema dell'edilizia scolastica. Soltanto tra Abruzzo e Molise ci sono più di 170 scuole non a norma di legge, scuole che come già accaduto l'anno scorso all'Istituto IPSSAR "De Cecco" di Pescara, talvolta crollano letteralmente sulla testa degli studenti.

l mancato staziamento di Fondi per gli adeguamenti strutturali - prosegue Capone - non fa altro che continuare a mettere a rischio l'Incolumità degli studenti, che per 9 mesi all'anno svolgono la loro vita scolastica in situazioni precarie e molto pericolose mentre il reperimento dei fondi per l’edilizia scolastica dovrebbe essere una prioritá in cima alle agende politiche di Ministero, Consigli Provinciali e Regionali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento