Cerimonia a Francavilla per non dimenticare l'eccidio di Santa Cecilia

Tante persone per ricordare il 75esimo anniversario della strage di 20 francavillesi uccisi da tedeschi nel 1943

A 75 anni dall'eccidio di Santa Cecilia, dove i nazifascisti uccisero 20 italiani inermi, Francavilla ha ricordato la tragedia con una cerimonia molto partecipata al cippo sulla strada che ricorda le vittime. In testa il sindaco Antonio Luciani, parenti delle vittime, associazioni d'arma e autorità hanno osservato un minuto di silenzio davanti al monumento che testimonia l'eccidio del 30 dicembre 1943.

Tra i 20 martiri c'erano contadini, ex militari, sfollati, che i tedeschi uccisero per rappresaglia dopo l'uccisione di un loro commilitone: la memoria popolare ricorda l'episodio come la vendetta italiana per un tentativo di stupro da parte di un tedesco su una donna del posto.

Recenti studi storici potrebbero però riscrivere i fatti a causa della presenza in zona di militari alleati: l'ipotesi è che gli abitanti potessero aver dato aiuto sia alla fuga dei prigionieri alleati verso il fronte in direzione sud, sia come 'protezione' per i paracadutisti inglesi che dietro le linee nemiche conducevano operazioni di intelligence.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al Comune di Ortona concorso pubblico per sette posti a tempo indeterminato

  • Schianto nel cuore della movida dello Scalo: automobile travolge una moto

  • La migliore colazione è a Chieti, premiata l'eccellenza di Manuela Bascelli

  • Allarme invasione cimici: i rimedi per eliminarle da casa

  • Casoli, il mezzo agricolo gli trancia la gamba: agricoltore muore dissanguato

  • Va a prendere il figlio a scuola e viene investito in pieno centro

Torna su
ChietiToday è in caricamento