Cronaca

Nascondono 11 chili di marijuana nel baccalà: tre arresti sulla A25 a Brecciarola

Un italiano e due albanesi arrestati durante un blitz della Mobile di Pescara sull'autostrada Roma-Pescara. La droga era nascosta tra le cassette del pesce per camuffarne l'odore, il valore dello stupefacente sul mercato sarebbe di circa 110 mila euro

Nascondevano la marijuana nelle casse del baccalà i tre corrieri della droga arrestati ieri pomeriggiodagli agenti della sezione antidroga della Squadra mobile di Pescara, dopo un blitz nell’area di servizio di Brecciarola, sulla A 25.

L’operazione è scattata a seguito delle intercettazioni telefoniche grazie alle quali si è riusciti a risalire al terzetto che gravitava tra Tollo e Guardiagrele. In manette sono finiti J.D.B. 36enne residente a Tollo, E.R ed E.B.H. albanesi di 26  e 31 anni. L’italiano, di ritorno da Ciampino, era a bordo di un furgone ambulante di pesce quando è stato fermato sull’autostrada, con i due albanesi a scortarlo in Mercedes.

Nascosti tra le cassette del pesce, allo scopo di confonderne l’odore, gli agenti hanno scovato sette panetti da 11 chili complessivi di marijuana precedentemente acquistata a Roma e destinata al mercato pescarese e chietino. Il valore dello stupefacente immesso sul mercato sarebbe di circa 110 mila euro. Le indagini adesso proseguono per scoprire i legami tra il mercato romano, l’Abruzzo e l’Abania.

I tre ora sono rinchiusi nel carcere di Madonna del Freddo. L’inchiesta è stata coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica di Chieti, Lucia Anna Campo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nascondono 11 chili di marijuana nel baccalà: tre arresti sulla A25 a Brecciarola

ChietiToday è in caricamento