Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Lanciano

Disservizi e sprechi Sangritana: la lettera di un pendolare

Sergio Di Campli si rivolge ai parlamentari abruzzesi per sollecitarli sulla questione dei treni mancanti. Sangritana è un'azienda di eccellenza, ma dovrebbe lavorare di più sui temi dei prezzi e della sicurezza

Da un lato gli elogi delle istituzioni (l'onorevole Gianni Melilla e il sindacalista Roberto Campo), dall'altro le - legittime - lamentele dei pendolari. Sangritana è indubbiamente un'eccellenza dell'Abruzzo: l'azienda di trasporti a partecipazione regionale brilla infatti per efficienza e modernità dei suoi treni. Ciò tuttavia non impedisce di muovere delle critiche e suggerire eventuali migliorie che, in qualsiasi ambito, sono sempre possibili.

Il signor Sergio Di Campli, ad esempio, da diverso tempo ha intrapreso una "battaglia" contro gli sprechi e i disservizi della Sangritana. Ora, in occasione delle recenti visite di Melilla e Campo, l'uomo è tornato sull'argomento, inviando anche una lettera aperta ai parlamentari abruzzesi, in cui afferma: "I principali disservizi sono dati dalla pessima distribuzione degli orari dei treni di entrambi gli operatori con frequenti sovrapposizioni in alcune fasce e lunghi buchi in altre. Dalle notizie raccolte pare che il gestore delle tratte interessate sia Trenitalia dalla sede di Ancona e che quindi Sangritana "subisca" impotente le decisioni. Ma alcune domande a Sangritana sorgono spontanee".

I quesiti posti da Di Campli sono i seguenti: "Perchè sulla tratta San Vito-Lanciano c'è un buco di tre ore durante le quali non c'è nessun treno proprio quando la maggior parte dei pendolari in arrivo da Pescara e Vasto escono da lavoro e d'estate i bagnanti tornano in città? Perchè si sono spesi soldi pubblici per costruire una nuova stazione e spesso su questa tratta si è obbligati a prendere il bus sostitutivo (quando c'è) che impiega 25 minuti anzichè il treno che ne impiega 8? Perchè ci sono due treni da San Vito a Pescara a distanza di 10 minuti?".

Le questioni sollevate da Di Campli si legano ad altri problemi che Sangritana dovrebbe considerare: innanzitutto il lievitamento dei prezzi dei biglietti, che comporta una maggiore spesa da parte degli utenti. Nel giro di un paio di anni, infatti, il ticket Pescara-Lanciano (40 km) è passato da 2.70 a 2.90 euro, e nei mesi scorsi è stato ulteriomente aumentato a 3.10 euro. Ciò significa che se prima erano sufficienti poco più di 5 euro per spostarsi dal capoluogo adriatico a quello frentano, ora non ne bastano 6. Roba di centesimi, certo, ma che inizia a incidere sulle tasche del cittadino se i viaggi vengono moltiplicati per decine di volte. Poichè la tariffa chilometrica viene stabilita a livello regionale, è chiaro che su queste variazioni di prezzo potrebbe quantomeno intervenire l'Emiciclo.

L'altro elemento spinoso, di cui ChietiToday si è già occupato, riguarda invece la questione sicurezza: troppi i furti verificatisi negli ultimi tempi a bordo dei treni Sangritana. Tutto questo, nonostante sui vettori ci siano già alcune telecamere per la videosorveglianza. Anche in questo caso si potrebbe (e dovrebbe) fare di più.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disservizi e sprechi Sangritana: la lettera di un pendolare

ChietiToday è in caricamento