menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scivola in un fosso con gli sci ai piedi: recuperata dopo ore di ricerche

Momenti drammatici per la 26enne inglese che ieri pomeriggio si è persa dopo essere salita sulle piste di Passolanciano in compagnia di un altro sciatore

Si sono concluse intorno alle 2 di notte le ricerche e le conseguenti operazioni di recupero della sciatrice inglese di 26 anni che nel primo pomeriggio di ieri aveva fatto perdere le tracce, dopo essere salita sulle piste di Passolanciano in compagnia di un altro sciatore della stessa nazionalità.

Le ricerche sono iniziate intorno alle 16,30. In serata finalmente la ragazza è stata trovata in un fosso, una depressione di circa cinquanta metri, in cui era arrivata camminando ma anche scivolando, a 1020 m s.l.m., sotto Colle della Civita, in località Roccamorice. Con sé aveva gli sci, che ha tenuto ai piedi per un lungo tratto ma che poi ha deciso di togliere perché spossata.

Al sanitario del Soccorso Alpino e Speleologico è apparsa in buone condizioni di salute, anche se logicamente molto infreddolita. È stata quindi riscaldata con pasticche e coperte termiche e poi estratta dal fosso e collocata sulla barella con l’uso di corde.

A poco più di un chilometro dall’uscita del fosso, in località Macchie di Coco, ad attenderla c’è l’ambulanza dell’ospedale di Popoli. 

Secondo quanto ricostruito l’incidente è avvenuto intorno alle tredici di ieri: a causa della nebbia (la visibilità non superava infatti i 10 metri) i due sciatori inglesi, poco dopo essere scesi dalla seggiovia, si sarebbero persi di vista. Il giovane che ha allertato i soccorritori ha spiegato di aver aspettato la ragazza e di aver percorso più volte la stessa pista, prima di lanciare l’allarme al personale degli impianti sciistici e, successivamente, al 118 e al Soccorso Alpino e Speleologico.

La ragazza, che non aveva con sé il cellulare, è stata trovata da una squadra composta da tecnici del Soccorso Alpino e Speleologico e da un maestro di sci volontario, grazie alla traccia fuoripista lasciata prima con gli sci e poi a piedi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento