Cronaca Lanciano

Carcere Lanciano: chiesto il ricorso ai lavoratori socialmente utili

Più di 300 detenuti a fronte di 150 posti, alcuni con condanne rilevanti. Un organico sotto di 1/3, l'appello del sindacato: si ricorra all'impiego dei lavoratori socialmente utili o ad altre soluzioni che possano dare sollievo ai lavoratori

Più di 300 detenuti a fronte di 150 posti, alcuni con condanne più che rilevanti. Un organico inferiore alle 23 unità previste: attualmente i dipendenti in servizio sono 16, spesso non si riesce a far fronte alla mole di lavoro, soprattutto nei periodi di congedi ordinari e altre forme di assenze. Il carcere è critico anche dal punto di vista dei lavoratori a Lanciano. Un aspetto, questo, che è stato sottolineato in maniera particolare durante l’assemblea dei lavoratori amministrativi, comparto ministeri, dall'Uil Pa, che in una nota richiama l’attenzione sulla delicata situazione dei dipendenti della casa circondariale frentana.

"A causa della carenza di organico, spesso i servizi si interrompono creando dannosi disservizi - spiega il sindacato - che ben presto potrebbero degenerare con risvolti clamorosi. A titolo di esempio: gravissime carenze organiche del personale amministrativo riscontrate nell’area amministrativo-contabile, nell’ufficio segreteria del personale di polizia penitenziaria e nell’ufficio conti correnti. Con lo spirito di sindacato dei cittadini siamo a proporre, come avvenuto negli uffici giudiziari di Chieti, Lanciano e Vasto, il ricorso all’impiego dei lavoratori socialmente utili o ad altre soluzioni che possano dare sollievo ai lavoratori della casa circondariale di Lanciano".

In mancanza di risposte certe in tempi altrettanto certi, il sindacato andrà avanti con una protesta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Lanciano: chiesto il ricorso ai lavoratori socialmente utili

ChietiToday è in caricamento